17 gennaio 2022
Aggiornato 21:00
ricerca

Bicocca guiderà 2 progetti Ue su tecnologia quantistica e clima

Previsto un finanziamento di 7 milioni di euro, coinvolte università europee

ROMA - L'Università di Milano-Bicocca coordinerà due progetti di ricerca nell'ambito delle Azioni Marie Slodowska-Curie, il programma finanziato dal Dipartimento Ricerca e Innovazione della Commissione Europea per sostenere l'attività e la mobilità internazionale dei giovani ricercatori europei. I progetti, che hanno ottenuto un finanziamento complessivo di 7 mln di euro, riguardano le nuove tecnologie fotoniche (4PHOTON) e l'analisi dei processi ambientali e climatici (TRuStEE). Salgono così a quattro i progetti internazionali promossi dalla CE che vedono come leader Bicocca.

Il progetto 4PHOTON
Il progetto 4PHOTON (finziamento Ue di 4 mln di euro), network di ricerca e istruzione coordinato da Stefano Sanguinetti del Dipartimento di Scienza dei Materiali dell'Università di Milano-Bicocca, comprende alcuni fra i maggiori gruppi di ricerca e industrie del settore della Quantum Information Technology. Quindici giovani ricercatori lavoreranno in un ambiente sinergico, fra accademia e industria, sviluppando le competenze necessarie per affrontare i problemi di fisica fondamentale quantistica, ottica, fotonica e fabbricazione di dispositivi per la comunicazione e la computazione quantistica. "La tecnologia quantistica - dichiara Stefano Sanguinetti - avrà un impatto enorme, in un futuro molto prossimo, nel modo con cui ci scambieremo informazioni critiche, svilupperemo materiali e farmaci innovativi e interagiremo con il mondo intorno a noi. Gli esempi vanno da comunicazioni criptate ultrasicure, fotocamere ultra-sensibili, simulatori quantistici che possono contribuire a progettare nuovi materiali e, in futuro, computer quantistici». "In tutto il mondo - continua Sanguinetti - grandi aziende e governi hanno già iniziato a investire miliardi di euro nella ricerca quantistica in una corsa a cercare valore aziendale e vantaggio regionale. Proprio per questo la commissione europea sta valutando l'apertura di una nuova flagship sulle tecnologie quantistiche. 4PHOTON pone quindi Bicocca alla frontiera di questa area di ricerca tecnologica in forte espansione".

Il progetto è TRuStEE
Il secondo progetto è TRuStEE (Training on Remote Sensing for Ecosystem modElling), rete di eccellenza coordinata da Micol Rossini e Cinzia Panigada del Laboratorio di Telerilevamento delle Dinamiche Ambientali del Dipartimento di Scienze dell'Ambiente e del Territorio e di Scienze della Terra (DISAT) dell'Università di Milano-Bicocca. Obiettivo del progetto (che ha avuto 3 mln di finanziamento dall'Ue), sviluppare competenze complementari ed interdisciplinari per l'analisi e il monitoraggio di processi ambientali e climatici mediante dati satellitari acquisiti da missioni spaziali (Esa-Sentinels, Nasa-Landsat e Modis). Verranno inoltre sviluppati nuovi sensori miniaturizzati e a basso costo che, installati su droni e aerei, permetteranno di simulare le potenzialità di future missioni satellitari. "Con questi, - conclude Gianfranco Pacchioni, prorettore alla Ricerca dell'Università di Milano-Bicocca - diventano quattro i progetti Marie Slodowska-Curie coordinati dall'Università di Milano-Bicocca su temi trasversali e di fondamentale importanza come la scienza dei materiali, le scienze ambientali, le biotecnologie e la nanomedicina, tutti settori in cui abbiamo sviluppato competenze, tecnologie e gruppi di ricerca a livello di assoluta eccellenza internazionale".