29 settembre 2020
Aggiornato 13:30
bandi per startup e imprese

Al via il bando Speed MI Up per aspiranti imprenditori e startup

Il bando è lanciato dall'incubatore della Bocconi, Camcom e Comune di Milano. Il termine ultimo per partecipare alla call è il 14 aprile

MILANO - Imprenditori e aspiranti startupper rimboccatevi le maniche. E' arrivato il bando per partecipare a Speed MI Up, l'incubatore di Università Bocconi, Camera di Commercio e Comune di Milano. Si tratta della settima edizione dell'iniziativa - il bando si chiuderà il 14 aprile - che mira a favorire la nascita e lo sviluppo di startup, soprattutto innovative e rafforzare l'integrazione tra il mondo delle imprese e dei professionisti attraverso l'offerta di un programma formativo, di un servizio di tutoraggio individuale, di supporto continuativo di tutoring, di supporto nell'accesso a risorse finanziarie e servizi in materia di innovazione, ricerca scientifica e internazionalizzazione. Sono inoltre messi a disposizione spazi attrezzati di lavoro con postazioni open space, aree di incontro informale e spazi di rappresentanza.

L'incubatore Speed MI Up di Milano
Speed MI Up ospita attualmente 25 start up in fasi diverse di sviluppo, selezionate grazie ai sei bandi che si sono susseguiti a partire dal 2013 - alle quali si devono aggiungere una decina di imprese che hanno concluso il periodo di incubazione. Secondo un rapporto del Servizio Studi e Statistica della Camera di Commercio di Milano, sono 779 le startup innovative a Milano, rappresentano il 68%, più dei due terzi del totale lombardo e circa il 15% italiano. La maggior parte opera nel settore dei servizi avanzati (82,6%), seguita dall'industria (11,2%) e dal commercio (5,8%). In particolare sono attive nel settore dell'informazione e comunicazione (52,1%) e nelle attività professionali, scientifiche e tecniche (21,8%). Sono "Srl" in oltre tre casi su quattro. La maggior parte delle start-up innovative conta meno di quattro addetti, seguite dalle imprese che hanno da cinque a nove addetti. Inoltre, 162 sono giovanili e 91 femminili. Milano è prima in Italia per numero di startup innovative (15%), seguita da Roma (9%), Torino (5%), Napoli e Bologna (3%). Emerge da un rapporto del Servizio Studi e Statistica della Camera di Commercio di Milano su dati Registro Imprese 2015 e 2014.

Sviluppo e innovazione del territorio
"Grazie all'incubatore Speed Mi Up abbiamo già sostenuto la voglia di alcuni giovani professionisti di dare vita a un'impresa innovativa nella nostra città - ha detto l'assessore alle Politiche per il lavoro e sviluppo economico Cristina Tajani - e con questo nuovo bando continuiamo a lavorare in questa direzione. Questo progetto s'inserisce all'interno di una strategia complessiva che vede il Comune di Milano, il sistema universitario e le altre istituzioni, prima tra tutte la Camera di Commercio, collaborare insieme allo scopo di rafforzare le potenzialità di sviluppo del nostro territorio e offrire opportunità lavorative concrete alle giovani generazioni». La call per presentare la propria candidatura è aperta fino al prossimo 14 aprile. "Questo progetto è una infrastruttura ormai consolidata per la città, a disposizione delle imprese, a partire dalle start up e dai giovani professionisti - ha agggiunto Alberto Meomartini, presidente del consorzio Speed MI Up e vice presidente della Camera di commercio di Milano - Abbiamo creato un luogo di dialogo tra istituzioni e università per aiutare la crescita delle idee d'impresa innovative, in particolare dei giovani".