31 maggio 2020
Aggiornato 19:00
Oltre 3000 idiomi sul punto di sparire

Google vuole salvare le lingue in pericolo

Un sito Internet destinato a preservare le lingue in via di estinzione. Lo ha lanciato il gigante delle Rete Google che parla di «progetto per salvare le lingue in pericolo»

MOUNTAIN VIEW - Un sito Internet destinato a preservare le lingue in via di estinzione. Lo ha lanciato il gigante delle Rete Google che parla di «progetto per salvare le lingue in pericolo».

3.000 IDIOMI SUL PUNTO DI SPARIRE - «Documentare le oltre 3.000 lingue che sono sul punto di sparire è una tappa importante per preservare la diversità culturale, rendere onore al sapere dei nostri antenati e dare strumenti di studio ai nostri giovani», sottolinea Google. «Le tecnologie possono sostenere questi sforzi, aiutando le persone a creare registrazioni di alta qualità dei loro antenati, spesso gli ultimi locutori della loro lingua, mettendo in contatto comunità disparate sui social network e facilitando lo studio delle lingue», precisa l'azienda fondata da Larry Page e Sergey Brin.

IL SOSTEGNO DI GOOGLE.org - Nei prossimi mesi, la gestione del sito sarà affidata a un laboratorio universitario, l'Istituto per la tecnologia e l'informazione sulle lingue dell'Università del Michigan dell'est, e al Consiglio culturale dei popoli primi. Il progetto è sostenuto dalla fondazione filantropica Google.org che invita altre organizzazioni a partecipare all'iniziativa.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal