28 febbraio 2020
Aggiornato 07:30
Tagliati 4.000 posti di lavoro

Nokia sposta l'assemblaggio degli smartphone in Asia

Colpiti tre impianti in Ungheria, Messico e Finlandia. I tre impianti coinvolti dai tagli si riorienteranno sulla personalizzaizone dei prodotti e l'assistenza ai consumatori, prevalentemente su Europa e Americhe

HELSINKI - Il gigante finlandese dei cellulari Nokia ha annunciato nuovi tagli occupazionali. Nel corso di quest'anno intende eliminare 4.000 posti di lavoro da tre impianti in Ungheria, Messico e Finlandia, nell'ambito di una riorganizzazione delle attività produttive sul segmento degli smartphone che aveva preannunciato lo scorso settembre, secondo quanto recita un comunicato, e che punta ad aumentare la competitività.
Una riorganizzazione che di fatto implica il trasferimento delle attività di produzione e assemblaggio degli smartphone in Asia, «dove si trovano la maggior parte dei fornitori» di componentistica, rileva Nokia.
I tre impianti coinvolti dai tagli si riorienteranno sulla personalizzazione dei prodotti e l'assistenza ai consumatori, prevalentemente su Europa e Americhe. Il gruppo aggiunge che fornirà «programmi di supporto, inclusa assistenza finanziaria» agli addetti colpiti dalla sforbiciata «su misura» in base alle peculiarità locali.