11 maggio 2021
Aggiornato 16:00
Telecomunicazioni

Banda larga, Bernabè: valuteremo coinvestimenti

«Ogni singola proposta di collaborazione verrà valutata sulla base della solidità economica del progetto»

ROMA - Telecom Italia è disponibile ad accordi con altri operatori per valutare forme di coinvestimento per la copertura della banda larga per una città di media dimensione. Lo ha affermato l'amministratore delegato della Telecom, Franco Bernabè, intervenendo a un convegno sulla banda larga. «In primo luogo - ha detto Bernabè -, siamo disponibili a definire le condizioni tecniche ed economiche e a sottoscrivere accordi con altri operatori, compatibilmente con il rispetto della disciplina antitrust, per sperimentare soluzioni di coinvestimento per la copertura di una città di medie dimensioni».

«Inoltre - ha aggiunto Bernabè - siamo aperti a valutare le proposte da parte di soggetti privati o da parte di istituzioni ed enti pubblici centrali e locali che intendano investire per accelerare lo sviluppo delle reti in fibra nei loro territori». In tal proposito Bernabè ha manifestato interesse a due progetti allo studio dell'amministrazione pubblica in Trentino. Il primo prevede, anche attraverso l'utilizzo delle infrastrutture della Pubblica Amministrazione la posa in fibra ottica per raggiungere il 100 per cento delle centrali che permetterà il passaggio al full ip. Il secondo prevede invece una società di partenariato pubblico privato per la posa della fibra ottica nella rete di accesso per collegare la maggior parte delle case dei cittadini e contemporaneamente sperimentare la dismissione (lo spegnimento) della rete in rame.

«Sulla rete di nuova generazione - ha ribadito Bernabè - Telecom Italia non è ferma, ma al contrario sta andando avanti e intende farlo dialogando con altri interlocutori interessati».

«Quello che deve essere chiaro - ha concluso Bernabè - è che ogni singola proposta di collaborazione verrà valutata sulla base della solidità economica del progetto e sulla coerenza del medesimo con gli sviluppi di mercato. Per Telecom Italia questo è l'unico modo di operare, ovvero realizzando progetti che creino valore per i nostri azionisti, per il settore e per il Paese».