28 febbraio 2020
Aggiornato 01:00
La Farnesina: il personale diplomatico italiano sta bene

Afghanistan, attentato a Kabul: almeno 80 morti. Isis rivendica

È di almeno 80 morti e centinaia di feriti, tra cui donne e bambini, il bilancio dell'attentato, rivendicato dall'Isis, che nella mattinata del 31 maggio 2017 è stato messo a segno nella zona delle ambasciate a Kabul, in Afghanistan

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2017/05/20170531_video_12563869.mp4

KABUL - È di almeno 80 morti e centinaia di feriti, tra cui donne e bambini, il bilancio dell'attentato, rivendicato dall'Isis, che nella mattinata del 31 maggio 2017 è stato messo a segno nella zona delle ambasciate a Kabul, in Afghanistan. Tra le vittime anche un autista dell'emittente Tv britannica BBC. Nell'ora di punta del mattino un camion cisterna riempito di esplosivo è stato fatto saltare in aria da un kamikaze nel quartiere, facendo una vera e propria strage. «L'ambulanza mi ha portato al pronto soccorso ma ci sono troppi feriti, devo andare in un altro ospedale - dice quest'uomo - l'esplosione è stata fortissima, molti miei colleghi sono stati colpiti ma per fortuna sono tutti sopravvissuti».

Ospedale di Emergency danneggiato
L'ospedale di Emergency, distante poche centinaia di metri dal luogo dell'esplosione è stato danneggiato ma ha continuato a funzionare regolarmente ricoverando 69 feriti, di cui alcuni molto gravi, 8 pazienti sono arrivati morti. Tutto lo staff sta bene e sta lavorando incessantemente per assistere i feriti che ancora riempiono il pronto soccorso. La deflagrazione ha fatto danni ingenti anche alle sedi delle ambasciate francese e tedesca. A quanto si apprende da fonti della Farnesina l'onda d'urto è stata avvertita anche nel compound della nostra ambasciata e dell'Agenzia italiana alla cooperazione e allo sviluppo. Tutto il personale però è stato messo in sicurezza, sta bene e, in stretto raccordo con l'Unità di crisi della Farnesina, si è immediatamente attivato per effettuare le verifiche di rito. Il ministro degli Esteri, Angelino Alfano ha twittato «ferma condanna per vile attacco terroristico a #Kabul. Profondo dolore per le vittime. Italia vicina a feriti e al popolo e al Governo afghano».

La rivendicazione dell'Isis
Lo Stato Islamico (Isis), attraverso i suoi organi d'informazione in rete, ha rivendicato l'attacco kamikaze di stamani a Kabul costato la vita a più di 80 persone e il ferimento di altri 300. Nella rivendicazione si afferma che nell'esplosione sarebbero rimasti uccisi 8 soldati americani. A pubblicare la rivendicazione sulla piattaforma social Telegram, è Amaq, agenzia stampa ufficiale del Califfato, la quale citando 'fonti di sicurezza' scrive che «un martire dello Stato Islamico si è fatto saltare per aria con la sua auto imbottita di esplosivi contro un convoglio delle forze Usa vicino all'ambasciata americana a Kabul»«Almeno 8 soldati americani sono rimasti uccisi a seguito dell'esplosione mentre altri sono rimasti feriti oltre all'uccisione di numerosi agenti delle forze afghane e la distruzione di due mezzi blindati americani e numerosi veicoli delle forze afgane». La stessa agenzia, citando 'testimoni oculari' afferma che «i soldati americani hanno aperto il fuoco contro auto di abitanti locali dopo l'attacco causando morti e feriti». Assieme al comunicato che porta la data di oggi, Amaq, pubblica la fotografia di un uomo armato di mitra e con il volto coperto indicandolo come l'autore dell'«operazione di martirio».