11 dicembre 2019
Aggiornato 14:00

Parigi, la «marcia della rabbia» dei poliziotti francesi dopo l'attacco agli Champs-Elysées

Diverse centinaia di poliziotti francesi sono scesi in piazza a Parig per una marcia della rabbia in segno di protesta per la morte del loro collega, il 37enne Xavier Jugelé, ucciso nell'attacco terroristico sugli Champs-Elysées

PARIGI - Diverse centinaia di poliziotti francesi sono scesi in piazza a Parigi, martedì 26 aprile 2017, per una "marcia della rabbia" in segno di protesta per la morte del loro collega, il 37enne Xavier Jugelé, ucciso nella serata di giovedì 20 aprile nel corso di un attacco terroristico sugli Champs-Elysées. La marcia è iniziata con un minuto di silenzio in segno di lutto per la morte di Jugelé, in testa al corte un grande striscione con la scritta "poliziotti in lutto». I poliziotti chiedono maggiori condizioni di sicurezza sul lavoro e un aumento di 150 euro mensili dello stipendio anche in ragione del rischio che corrono quotidianamente nello svolgere il proprio lavoro per tutelare la sicurezza dei cittadini.