25 gennaio 2020
Aggiornato 22:00
Annuncia 5 esecuzioni e mostra carnefice dal perfetto inglese

Isis, in un video un nuovo boia minaccia Cameron

Le autorità di Londra hanno affermato di essere al corrente del nuovo video postato su internet dai jihadisti dello Stato islamico, in cui si annuncia la decapitazione di cinque spie britanniche, si inviano nuove minacce contro i cittadini britannici e il primo ministro David Cameron e si mostra un nuovo boia capace di parlare un perfetto inglese

LONDRA - Le autorità di Londra hanno affermato di essere «al corrente» del nuovo video postato su internet dai jihadisti dello Stato islamico, in cui si annuncia la decapitazione di «cinque spie britanniche», si inviano nuove minacce contro i cittadini britannici e il primo ministro David Cameron e si mostra un nuovo boia capace di parlare un perfetto inglese. «Siamo al corrente del video, stiamo esaminando il contenuto», ha spiegato il ministero degli Esteri britannico in una breve dichiarazione.

Il video
Nel video, che sembra essere stato rilasciato da un gruppo di stanza a Raqqa, vengono mostrati cinque uomini in tuta arancione che «confessano» di essere delle spie per conto dei servizi di sicurezza del Regno Unito. Il video, della durata di 10 minuti, mostra le presunte spie in ginocchio, mentre un jihadista con accento britannico dice che sono state "abbandonate" dal governo britannico. Secondo quanto si legge sull'Independent, i cinque prigionieri però potrebbero non essere cittadini britannici, ma sarebbero stati giustiziati perché al servizio della coalizione, a cui fornivano foto e video dall'interno di Raqqa.

Un messaggio a Cameron
Parlando davanti alla telecamera, un uomo armato e mascherato invia «un messaggio a David Cameron», che egli descrive come un «idiota» e «schiavo della Casa Bianca». Rivolgendosi «al popolo della Gran Bretagna», il militante afferma che l'Isis «un giorno invaderà» la loro terra, «dove governarà attraverso la Sharia».Il militante mette poi a confronto il primo ministro Cameron con i suoi predecessori «arroganti e stupidi», Gordon Brown e Tony Blair, e conclude: «Perderai la guerra, come hai perso in Iraq e Afghanistan. Ma questa volta, quando perderai, i tuoi figli erediteranno la tua sconfitta e ti ricorderanno come un pazzo che pensava di poter lottare contro lo Stato islamico».

Minacce
Dopo l'uccisione del britannico Jihadi John in un raid compiuto a Raqqa circa due mesi fa, l'Isis mette in mostra dunque un altro boia dal perfetto accento inglese e dalle movenze che ricordano molto il suo predecessore. Mimetica, volto coperto che lascia intravedere solo gli occhi, la pistola in pugno puntata verso la telecamera, sfida più volte il premier Cameron e i britannici. Le ultime immagini mostrano invece un bambino, che sembra essere anch'egli britannico, con una mimetica e una fascia nera sulla testa con lo stemma dell'Isis, che puntando un dito alle sue spalle, afferma: «Uccideremo i kuffar (gli infedeli) da quella parte».

(Con fonte Askanews)