24 ottobre 2020
Aggiornato 05:00
Ha fatto almeno un morto e 11 feriti in Dagestan

Russia, l'Isis rivendica la sparatoria di ieri nel Caucaso

I jihadisti dello Stato islamico hanno rivendicato la sparatoria di ieri nella città di Derbent, in Dagestan, regione del Caucaso in Russia: lo ha annunciato Site, che monitora le attività delle organizzazioni terroristiche sul web

MOSCA - I jihadisti dello Stato islamico hanno rivendicato la sparatoria di ieri nella città di Derbent, in Dagestan, regione del Caucaso in Russia: lo ha annunciato Site, che monitora le attività delle organizzazioni terroristiche sul web.  

La rivendicazione
«Con l'aiuto di Allah, i guerrieri del Califfato sono riusciti ad attaccare i dipendenti dei servizi di sicurezza russi nella città di Derbent, nel Sud del Dagestan, uccidendo un ufficiale e ferendone altri», si legge in un messaggio sul web attribuito all'Isis e reso pubblico dal centro americano di sorveglianza dei siti islamici (Site).

La sparatoria
Una persona è stata uccisa e 11 ferite in una sparatoria in Daghestan, tra le repubbliche del Caucaso russo più instabili e focolaio di estremismo islamico. L'episodio di violenza ha tuttavia un risvolto che lo rende più particolare rispetto ai soliti attacchi tra forze di sicurezza e jahadisti locali: lo scontro a fuoco è avvenuto nei pressi della fortezza di Derbent, meta per i turisti locali e Patrimonio dell'Unesco. Il fuoco sulla rocca è stato aperto dal bosco. Sulla scena sono stati trovati 67 bossoli di diverso calibro.

Un luogo particolare
Una fonte anonima ha detto a RIA Novosti che la vittima era un dipendente dei servizi di sicurezza russi, l'FSB. Un altro dipendente dell'FSB è stato ferito durante l'attacco, ha detto la fonte. In tutto ci sono almeno cinque feriti in gravi condizioni, portati in ospedale.  Un rappresentante della polizia locale, Magomed Taimuradov, ha detto che la sparatoria si è verificata nella notte vicino alle mura della fortezza «Naryn-Kala», inclusa dall'Unesco nel 2003 nella lista dei siti Patrimonio dell'Umanità. All'interno della fortezza si trova anche la Moschea Juma, la più antica della Russia, fondata nel VIII secolo, ma rimodernata più volte nel Medioevo. Nonchè una chhiesa a cupole del V secolo.

(Con fonte Askanews)