17 febbraio 2020
Aggiornato 20:00
Da Sinjar a Tikrit, da Kobane a Raqqa

Dopo la riconquista di Ramadi, tutte le città vinte e perse dall'Isis

Dopo la notizia della riconquista di Ramadi da parte dell'esercito iracheno, ecco le principali città conquistate o perse dai combattenti dello Stato Islamico in Iraq e in Siria

ROMA - Ecco le principali città conquistate o perse dai combattenti dello Stato Islamico in Iraq e in Siria.

Iraq
- RAMADI: città sunnita a 100 chilometri a Ovest di Baghdad, capoluogo della grande provincia di Al-Anbar, al confine con la Siria. E' stata conquistata il 17 maggio dall'Isis dopo una vasta offensiva e il ritiro delle forze irachene. Le truppe di Baghdad hanno ripreso il controllo tra l'8 e il 22 dicembre, dopo una lotta porta a porta. Ijihadisti hanno lasciato la città il 27 dicembre. Resterebbero alcune piccole sacche di resistenza.
- TIKRIT: a 160 chilometri a Nord di Baghdad, è una città a maggioranza sunnita, riconquistata a fine marzo dopo 10 mesi di controllo da parte dell'Isis.
- SINJAR: il 13 novembre le forze curdo-irachene, appoggiate dai raid aerei della coalizione, hanno riconquistato la città che si trova nel Nord dell'Iraq. Sinjar è situata su una rotta strategica di comunicazione utilizzata dall'Isis tra Siria e Iraq. L'Isis aveva conquistato Sinjar nell'agosto del 2014, perpetrando numerosi abusi contro la minoranza yazida.
- MOSUL: seconda città del Paese, a 350 chilometri dalla capitale, è stata conquistata dall'Isis il 10 giugno 2014 che ha così proclamato il "califfato». Contava due milioni di abitanti prima dell'ingresso dei jihadisti e l'esodo di migliaia di persone.

Siria
- RAQQA: città con 300mila abitanti nel Nord-Est della Siria è feudo dell'Isis da gennaio 2014 che l'ha eletta a sua capitale in Siria. E' uno dei principali obiettivi dei raid della coalizione internazionale, del regime siriano e della Russia. Gli attacchi aerei si sono intensificati dopo la rivendicazione da parte dell'Isis degli attentati di Parigi del 13 novembre.
- PALMIRA: l'antica città di Palmira, che si trova nel deserto siriano, a 205 chilometri a Est di Damasco, è stata conquistata dall'Isis il 21 maggio del 2015. In seguito i jihadisti hanno distrutto parte del ricco patrimonio archeologico della città inserita nella lista del Patrimonio Unesco.
- KOBANE: la città curda nel Nord della Siria, alla frontiera con la Turchia, è stata eretta a simbolo della lotta contro l'Isis. I jihadisti sono stati cacciati il 26 gennaio del 2015 dopo quattro mesi di intensi combattimenti delle forze curde con il sostegno dei raid internazionali. Kobané (Aïn al-Arab in arabo) è il capoluogo di uno dei tre"cantoni" della regione in cui i curdi hanno instaurato una specie di area autonoma dall'inizio della crisi siriana.
- TALL ABYAD: città alla frontiera con la Turchia è stata riconquistata dalle forze curde il 16 giugno 2015. Prima dell'inizio dei combattimenti, a marzo 2011, contava 130.000 abitanti. E' Un centro chiave per gli approvvigionamenti verso Raqqa e uno dei due punti di transito da e per la Turchia di combattenti e armi.

(Con fonte Askanews)