16 luglio 2019
Aggiornato 04:00
Gran Bretagna

Presunta corruzione di agenti, arrestati due giornalisti britannici

Lo ha annunciato Scotland Yard, precisando che i due reporter sono stati interrogati in due diversi commissariati prima di essere rilasciati su cauzione. I due giornalisti dovranno presentarsi davanti agli inquirenti nel prossimo mese di ottobre

LONDRA - Due giornalisti britannici sono stati arrestati ieri nel quadro dell'inchiesta sullo scandalo delle intercettazioni illegali e della corruzione di agenti di polizia nel Regno Unito: lo ha annunciato Scotland Yard, precisando che i due reporter sono stati interrogati in due diversi commissariati prima di essere rilasciati su cauzione. I due giornalisti dovranno presentarsi davanti agli inquirenti nel prossimo mese di ottobre.

JUSTIN PENROSE - Il gruppo Trinity Mirror, che edita numerosi tabloid concorrenti di News of the World di Rupert Murdoch (coinvolto nello scandalo intercettazioni), ha ammesso che uno dei suoi reporter è stato arrestato. «Abbiamo ricevuto informazioni dalla polizia che Justin Penrose è stato arrestato questa mattina, co il sospetto di avere pagato dei funzionari», ha indicato il portavoce del gruppo editoriale.
Penrose, al Sunday Mirror dal 2004, giornalista di cronaca nera, aveva testimoniato nello scorso mese di marzo davanti alla Commissione Leveson, messa a punto dal governo per fare luce sullo scandalo intercettazioni.

TOM SAVAGE - Il secondo reporter arrestato ieri lavora per il gruppo Northern and Shell, che possiede il Daily Star Sunday, ha annunciato un portavoce dell'azienda senza precisare il nome della persona fermata. Ma secondo alcuni media locali si tratterebbe di Tom Savage, vice caporedattore del Daily Star Sunday.

41 LE PERSONE FERMATE - Con gli arresti di ieri sale a 41 il numero delle persone fermate dalle autorità locali nel quadro dell'inchiesta sulla corruzione di agenti di polizia da parte di giornalisti locali.