30 ottobre 2020
Aggiornato 02:00
Grande emozione a Il Cairo

In migliaia rendono omaggio alle spoglie di Shenuda III

Fedeli ed ecclesiastici in fila davanti alla chiesa di San Marco. Dall'aspetto fragile, Shenuda è stato chiamato in questi ultimi anni a fronteggiare i crescenti attacchi subiti dalla comunità copta nel Paese

IL CAIRO - Migliaia di fedeli ed ecclesiastici stanno sfilando, in un'atmosfera di grande emozione al Cairo, davanti alle spoglie del papa della chiesa copta, il patriarca Shenuda III, morto ieri a 88 anni.
Il corpo di Shenuda III, con indosso una tiara e rivestito di abiti talari riccamente ornati, è stato disposto seduto su un trono di legno scolpito nella cattedrale di San Marco al Cairo, sede della chiesa copta, dove martedì prossimo saranno celebrati i funerali.

Per oltre 40 anni alla guida della più importante chiesa Cristiana d'Oriente, Shenuda III è stato protagonista di scontri, ma anche di conciliazioni con il governo musulmano del Paese.
Dall'aspetto fragile, Shenuda è stato chiamato in questi ultimi anni a fronteggiare i crescenti attacchi subiti dalla comunità copta nel Paese. Eletto papa della chiesa copta e patriarca di Alessandria nel 1971, Shenuda è stato il 117esimo successore dell'evangelista e padre fondatore San Marco, guidando con pugno di ferro una comunità che rappresenta tra il 6 e il 10 per cento dei circa 82 milioni di egiziani. «Odiava essere sfidato e odiava essere corretto. Non accettava critiche - ha raccontato un suo amico - questo era dovuto in parte alla sua personalità e in parte al clima generale».