18 agosto 2019
Aggiornato 09:00
Parco nazionale Kruger

Sudafrica, contro bracconieri reclutati ranger in pensione

Da quando i 181 ranger del parco hanno proclamato lo sciopero per ottenere migliori condizioni salariali, il bracconaggio non ha fatto che aumentare, nonostante la presenza di polizia ed esercito. Carneficina di rinoceronti

JOHANNESBURG - Il celebre parco nazionale Kruger, nel nord-est del Sudafrica, ha deciso di reclutare dei ranger in pensione per sostituire il personale in sciopero, in una situazione di crescente minaccia per i rinoceronti del parco, bersaglio dei bracconieri.
Da quando i 181 ranger del parco hanno proclamato lo sciopero per ottenere migliori condizioni salariali, il bracconaggio non ha fatto che aumentare, nonostante la presenza di polizia ed esercito. «Non possiamo lasciare questa zona senza sorveglianza» quando polizia ed esercito si ritireranno, ha spiegato il portavoce del parco Kruger, William Mabasa.

Carneficina di rinoceronti - Oltre la metà dei 450 rinoceronti abbattuti complessivamente in Sudafrica lo scorso anno, è stata uccisa nel Parco Kruger, che si estende su un territorio grande quasi quanto la Toscana. L'ultimo ritrovamento è stato quello delle carcasse di 8 animali, cui è stato asportato il corno ricercato per le sue presunte proprietà afrodisiache, avvenuto attorno al 10 gennaio.
Due settimane fa il parco era stato colpito da alluvioni e inondazioni che avevano convinto le autorità a chiuderlo al pubblico per alcuni giorni.