20 novembre 2019
Aggiornato 20:00
Il nuovo sito d'informazione su internet

«Bienvenue» sull'Huffington Post versione francese

Sotto la guida di Anne Sinclair, moglie dell'ex direttore del Fondo monetario internazionale Dominique Strauss-Kahn. Intanto Arianna Huffington vuole lanciare il sito in Grecia, suo Paese natale

PARIGI - Da oggi è online la versione francese dell'Huffington Post, sotto la guida di Anne Sinclair, moglie dell'ex direttore del Fondo monetario internazionale Dominique Strauss-Kahn.
Il gruppo di Le Monde e l'Huffington Post hanno firmato a inizio ottobre un accordo per lanciare l'«HuffPo» in francese, assieme a un terzo partner, il banchiere Matthieu Pigasse.
In nuovo sito d'informazione su internet, completamente in francese, «sarà dedicato essenzialmente al dibattito», si legge nell'editoriale di apertura di oggi nel quale Sinclaire spiega che il sito avrà una «duplice vocazione: fornire informazioni 'calde' sull'attualità quotidiana ed essere contemporaneamente un sito di riflessione e dibattito».

La Huffington vuole lanciare il sito in Grecia, suo Paese natale - Arianna Huffington, fondatrice dell'omonimo sito americano che ha appena aperto una versione francese, ha annunciato oggi di voler lanciare «nei prossimi tre mesi», anche un sito in Grecia, suo Paese natale. «Speriamo di essere in grado di fare il lancio nei prossimi tre mesi. Siamo in trattative con diversi eventuali partner», ha dichiarato Arianna Huffington, in una conferenza stampa di presentazione della versione francese dell'Huffington Post.
Dopo la Francia, primo Paese non anglofono dove l'Huffington Post è stato lanciato, ci sarà a marzo la Spagna, in collaborazione con El Pais, e ad aprile l'Italia, con il gruppo L'Espresso. «Prevediamo di lanciare il sito in molti, molti Paesi», ha detto la Huffington, che guarda in particolare alla Germania, al Brasile e alla Turchia.
Fondato nel 2005, l'Huffington Post ha aperto per la prima volta dei siti locali nel 2011, in Canada a maggio e in Gran Bretagna a luglio. Il sito canadese registra 3,5 milioni di visitatori al mese e il britannico 3,8 milioni. Negli Stati Uniti, l'Huffington Post rivendica 37 milioni di visitatori al mese.