11 aprile 2021
Aggiornato 12:30
Lockerbie

Rinviata l'audizione su ruolo Bp in vicenda Megrahi

Le accuse alla leadership della compagnia petrolifera: «Non collabora, fa ostruzionismo»

WASHINGTON - La Commissione Affari esteri del Senato americano ha rinviato a data da destinarsi l'audizione prevista per domani sul ruolo di British Petroleum (Bp) nella liberazione del libico Abdelbaset al-Megrahi, condannato per l'attentato di Lockerbie: lo ha confermato ieri il senatore democratico Robert Menendez. L'audizione è «rinviata e sarà riprogrammata», ha detto Menendez che avrebbe dovuto presiedere l'audizione.

Poco prima Menendez aveva deplorato l'annuncio di Bp sull'intenzione dell'amministratore delegato Tony Hayward di non presentarsi davanti alla Commissione. «Ho pensato che una società in debito con gli americani per avere devastato il Golfo del Messico avrebbe cooperato totalmente», ha scritto in un comunicato. «Hanno fatto ostruzione», ha aggiunto in conferenza stampa parlando dei responsabili di Bp che secondo lui avrebbero qualcosa a nascondere.

Il gruppo petrolifero britannico è al centro delle polemiche sul presunto ruolo svolto per la liberazione del libico Abdelbaset al-Megrahi, condannato per la strage di Lockerbie. British Petroleum è accusato di avere esercitato pressioni sulle autorità britanniche per ottenere la liberazione di Megrahi in cambio di un contratto di esplorazione di idrocarburi al largo della Libia.

Megrahi è stato condannato nel 2001 alla prigione a vita per l'attentato dinamitardo perpetrato nel 1988 contro un Boeing 747 sopra la città scozzese di Lockerbie, che fece 270 morti.