14 maggio 2021
Aggiornato 02:30
Tpi

Due ergastoli per il massacro di Srebrenica

E' in corso la lettura del verdetto del maxi processo

BELGRADO - Il Tribunale penale internazionale per i crimini nella ex Jugoslavia (Tpi) ha condannato due serbi di Bosnia, ex responsabili militari, all'ergastolo per il massacro di Srebrenica. La corte con sede all'Aia ha condannato al carcere a vita Vujadin Popovic et Ljubisa Beara nell'ambito del processo per lo sterminio di circa 8.000 civili musulmani in Bosnia, nel luglio 1995.

Sono sette gli imputati alla sbarra per il più grave crimine di guerra commesso in Europa dopo l'Olocausto, sono tutti ex membri dell'esercito serbo-bosniaco guidato ai tempi dal generale Ratko Mladic, a oggi ancora latitante. Cinque di loro rispondono dell'accusa di genocidio, altri due di reati meno gravi. Oltre 450 testimoni sono stati uditi nel corso di questo processo 'storico', il più grande mai disputato dal Tpi, oggi giunto ai verdetti.