23 agosto 2019
Aggiornato 00:30
Esteri. Amministrazione Bush

Cheney: «Inchiesta Cia Dipartimento Giustizia ha movente politico»

Ex Vicepresidente: «Waterboarding ha salvato vite americane»

WASHINGTON - L'inchiesta avviata dal Dipartimento della Giustizia statunitense sui presunti abusi commessi dai funzionari della Cia ha un movente politico: lo ha affermato l'ex vicepresidente Dick Cheney, intervistato dall'emittente televisiva Fox News.

Secondo Cheney le tecniche di interrogatorio messe in atto dalla Cia come il «waterboarding» - considerato attualmente una forma di tortura - avrebbero salvato le vite di molti americani nel periodo successivo alle stragi dell'11 settembre. Gli abusi sono riportati in un rapporto interno dell'Agenzia risalente al 2004 e reso pubblico alcune settimane fa per volontà della Casa Bianca.

L'Amministrazione Obama ha messo in chiaro che coloro che hanno seguito in buona fede le regole approvate dal Dipartimento della Giustizia di George W. Bush (per quanto discutibili) non potranno venire incriminati: resta però da decidere il destino legale di quei funzionari che si spinsero oltre, magari sotto le pressioni dei superiori che insistevano per ottenere delle informazioni ritenute importanti; quei superiori che a partire da Bush e Cheney difficilmente verranno mai chiamati a rispondere del loro operato.