15 maggio 2021
Aggiornato 13:00
Moto novità

Novità Moto Guzzi: Eldorado, Audace e la concept MGX-21

Derivano tutte dalla 1400 California, le prime due sono già realtà, la terza anticipa le linee di una futura versione bagger. Scopriamole più da vicino (FOTO)

MILANO - In anteprima mondiale al Salone Eicma di Milano la Moto Guzzi ha presentato tre nuove versioni della sua 1400 California. La Eldorado e l'Audace sono già pronte ad aggredire il mercato, l'MGX-21 è invece una concept bike che anticipa le linee di una futura rivisitazione in chiave bagger votata al touring.

MOTO GUZZI ELDORADO - La Eldorado non è altro che l'interpretazione in chiave moderna della mitica 850 che conquistò il mercato americano negli anni '60. I richiami retro sono ovunque: dalle ruote a raggi al serbatoio con guance cromate, dall'assetto ribassato alla sella maggiorata (soli 724 mm dal suolo), dal manubrio a corna di bue al parafango posteriore con luce a gemma. La strumentazione è racchiusa in un quadrante circolare da 150 mm di diametro con la scala del contagiri analogico ricavata lungo la circonferenza esterna e il display multifunzione full-matrix sospeso al centro. Di serie ha anche il cruise control.

MOTO GUZZI AUDACE - Decisamente più cattivo l'aspetto della Audace, tutta nera (ma c'è anche nella versione con serbatoio rosso) e senza cromature per renderla più muscolosa e aggressiva. Carattere da dura enfatizzato anche da alcuni dettagli mai visti prima sulla California, come il puntale sottocoppa, la griglia metallica del radiatore e lo scarico corto a megafono, oltre a pedane più sportive e avanzate. La sella, in skai alcantara con cuciture rosse a vista, è ribassata, mentre il manubrio è di tipo drag-bar per una posizione di guida più allungata. Le ruote sono in lega, personalizzate con il logo Moto Guzzi.

MOTO GUZZI MGX-21 - La MGX-21 è invece MGX-21 un' idea sorprendente che apre una nuova via al touring secondo Moto Guzzi, un modello che si ispira alle caratteristiche estetiche e funzionali delle cruiser più dure e vere. Tanti i dettagli che non passano certo inosservati, a partire dalla ruota anteriore da 21" con cerchio pieno e disco freno a margherita, alle teste dei cilindri, alla punta del parafango e alla pinza freno anteriore Brembo dipinte di rosso, in contrasto con tutto il resto dove il nero domina incontrastato. Inedita la strumentazione, protetta da una grande carenatura che avvolge il faro anteriore. Strepitosa, come altro definirla, la parte posteriore che si allunga dietro la sella monoposto, avvolge tutta la ruota e sovrasta i due lunghi e bruniti terminali di scarico. Di bagger così in giro ce ne sono davvero poche.