31 marzo 2020
Aggiornato 04:30
Generali

Tabacci: Con Geronzi finisce cappa potere berlusconiano

«Può essere una speranza: possibile ritorno del pluralismo finanziario»

ROMA - Le tumultuose dimissioni di Cesare Geronzi dal vertice delle Generali possono significare che «l'intreccio tra politica e potere, che è la grande malattia degli anni berlusconiani, giocoforza si ridurrà». Perché «è ragionevole pensare che, d'ora in poi, per fare operazioni nel nostro Paese non si dovrà più chiedere il permesso a palazzo Chigi». Se ne è detto convinto il parlamentare Api Bruno Tabacci, deputato Api, in una intervista alla Stampa.

«La cappa su questo sistema di potere - ha sottolineato fra l'latro Tabacci - era così forte che impediva persino di raggiungere risultati sul piano dei mercati finanziari. Basta vedere la reazione dei mercati alle dimissioni del presidente. La considero un segnale di speranza per il Paese: significa che non tutte le porte sono chiuse e che si può tornare ad un maggiore pluralismo economico finanziario».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal