13 giugno 2024
Aggiornato 10:00
Arriva la primavera

Si chiude l'inverno più nevoso degli ultimi 30 anni

Analisi della Coldiretti sulla base dei dati preliminari raccolti dal Noaa'S. Gemme, fiori e pollini sono in ritardo

ROMA - E' finito oggi, con l'arrivo della primavera, un inverno che ha fatto registrare la maggiore copertura nevosa degli ultimi 30 anni nell'emisfero nord e che in Italia, si è classificato al secondo posto tra i più piovosi dello stesso periodo, per effetto della straordinaria caduta della pioggia e della neve. Lo sottolinea una analisi della Coldiretti sulla base dei dati preliminari raccolti dal Noaa'S e dell'istituto di scienze dell'atmosfera e del clima (Isac) del Cnr di Bologna.

Nonostante l'arrivo della primavera la natura tarda però a svegliarsi e in Italia si registra un forte ritardo per la semina nelle campagne, le gemme sugli alberi, i fiori nei prati e il polline nell'aria. La pioggia, le perturbazioni e le basse temperature secondo gli esperti «appesantiscono» i pollini tipici di questo periodo impedendo che si liberino nell'aria e rappresentano quindi un valido alleato per le persone allergiche (circa il 30% degli italiani).

Per le piante invece le temperature e le sommatorie termiche invernali necessarie allo crescita sono state notevolmente inferiori della media provocando - aggiunge la Coldiretti - un forte ritardo nello sviluppo riscontrabile in tutte le piante da frutto come pesco, susino, albicocco e ciliegio che in gran parte dell'Italia non sono ancora fioriti nonostante l'arrivo della primavera. L'abbondante pioggia caduta durante il periodo invernale ha anche reso i terreni agricoli umidi ed inagibili ai trattori per le classiche lavorazioni primaverili di aratura e semina primaverile che è quindi in ritardo in molte regioni con molta preoccupazione tra gli agricoltori.

Dovrebbe invece essere scongiurato il rischio della siccità dopo la straordinaria caduta della pioggia e della neve che servono per ripristinare le scorte idriche nel terreno che le coltivazioni utilizzano per la crescita nel periodo primaverile ed invernale.