17 luglio 2019
Aggiornato 09:00
Dai mattoncini ai Bionicles

E' boom di utili per la Lego: +69% nel 2009

Il gruppo danese riesce a schivare crisi mondiale del giocattolo

COPENAGHEN - Non conosce sosta il successo tra i bambini dei prodotti Lego. Nel 2009 il gruppo danese, che oltre ai famosissimi mattoncini produce «giochi» più tecnologici come i Bionicles o classici come i «Lego City» e i «Lego Star Wars», ha registrato un incremento-boom degli utili, cresciuti del 63% a 2,2 miliardi di corone (circa 300 milioni di euro). In forte crescita (+22,4%) il fatturato, passato a 11,6 miliardi di corone (1,56 miliardi di euro).

I giochi Lego hanno registrato una crescita in tutti i mercati mondiali, a partire dai Paesi anglosassoni, dall'Europa e dalla maggior parte dell'Asia. «I nostri risultati nel 2009 sono stati molto soddisfacenti, ha affermato l'amministratore delegato della società Joergen Vig Knudstorp sottolineando che tale performance giunge in un anno nel quale il mercato mondiale del giocattolo è stato stagnante. Ottimismo anche per l'anno in corso per il quale si prevede una crescita considerevole della società a conduzione familiare, che non è quotata anche se pubblica i propri dati di bilancio sin dal 1997.