16 giugno 2021
Aggiornato 10:00
Todomondo e Myair

MDC offre consulenza on line per i turisti vittime dei crack

Ai clienti Todomondo e Myair verranno date istruzioni su come inoltrare le richieste di risarcimento nei confronti delle due aziende

Il Dipartimento Turismo del Movimento Difesa del Cittadino (MDC) mette a disposizione dei turisti vittime dei crack Todomondo e Myair un servizio di assistenza e consulenza on line a cui si potrà accedere attraverso gli indirizzi e-mail sosmyair@mdc.it e sostodomondo@mdc.it .

Ai clienti Todomondo e Myair verranno date istruzioni su come inoltrare le richieste di risarcimento nei confronti delle due aziende, accedendo al fondo nazionale di garanzia per i pacchetti turistici nel caso di Todomondo e attraverso le procedure standard di richiesta di rimborso nel caso di Myair.

«Nel caso di Todomondo, i risarcimenti – spiega il Dipartimento Turismo di MDC - saranno possibili soprattutto attraverso il fondo nazionale di garanzia istituito e comunque non avranno tempi brevi. È utile però che ciascun consumatore attivi immediatamente la richiesta».

Il Dipartimento ricorda alcuni passaggi fondamentali da seguire in questi casi. Per chi ha acquistato un pacchetto con Todomondo, è necessario inviare al tour operator la richiesta di restituzione della somma versata senza il pagamento di penali, a causa del grave inadempimento da parte dell’azienda e ai sensi dell’art.92 del Codice del Consumo, tramite raccomandata a.r. Inoltre, è possibile presentare istanza al Fondo per i consumatori di Pacchetti turistici.

Per chi è rimasto vittima del fallimento Myair, il consiglio è di inviare una raccomanda a.r. alla compagnia aerea, chiedendo il rimborso del biglietto aereo non utilizzato e delle eventuali spese sostenute nell’attesa in aeroporto. Se il passeggero non è stato avvertito della cancellazione del volo entro 14 giorni della partenza, avrà diritto anche alla compensazione pecuniaria prevista dal Regolamento CE n. 261/2004, a meno che non gli venga fornita un’adeguata riprotezione tramite l’imbarco su un volo alternativo nella stessa fascia oraria. Le richieste di rimborso vanno inviate a MyAir S.p.A., CP 122, Via Brescia 31, 36040 Torri di Quartesolo (VI), Italia.