16 novembre 2018
Aggiornato 16:30

AnsaldoBreda e Ansaldo STS: commessa per la Metro di Taipei

Commessa del valore complessivo di circa 334 milioni di euro per la fornitura dei veicoli e degli impianti elettromeccanici

Il Consorzio formato da AnsaldoBreda, una società Finmeccanica, e Ansaldo STS si è aggiudicato una commessa del valore complessivo di circa 334 milioni di euro per la fornitura dei veicoli e degli impianti elettromeccanici del sistema di trasporto per la Metro Circular Line della città di Taipei. Il cliente è il DORTS (Department Of Rapid Transit Systems), Ente del Taipei City Government.

La quota di competenza di AnsaldoBreda per la fornitura dei treni è di circa 114 milioni di euro, mentre quella di competenza di Ansaldo STS per la fornitura di tutta la tecnologia per l’infrastruttura è di 220 milioni di euro. La firma del contratto tra il Consorzio formato da AnsaldoBreda e Ansaldo STS e il cliente DORTS è attesa per i primi giorni di aprile, mentre l’entrata in esercizio entro la fine del 2015. L’accordo riguarda la prima fase della Metro Circular Line di Taipei e prevede un sistema integrato chiavi in mano per la realizzazione delle opere elettromeccaniche e la fornitura del materiale rotabile per una linea di circa 15,5 chilometri, con 14 stazioni (13 in viadotto e una sotterranea), 17 veicoli composti da 4 carrozze e un deposito.

La linea sarà sviluppata con tecnologia Driverless, utilizzando il sistema radio CBTC (Communications-Based Train Control), il più avanzato sistema di segnalamento per il trasporto metropolitano. Il progetto della Circular Line prevede una lunghezza complessiva di circa 52 km, con 46 stazioni e 3 depositi, da realizzarsi attraverso due fasi ulteriori per i successivi 36 chilometri.

Questa commessa è un’ulteriore conferma delle competenze delle due aziende italiane, in particolare nella realizzazione di metropolitane a guida totalmente automatica. AnsaldoBreda e Ansaldo STS hanno già sviluppato con guida totalmente automatica la Metropolitana di Copenhagen e con la stessa tecnologia stanno lavorando alla Linea 5 di Milano, alla Metropolitana di Brescia, alla Linea C di Roma e alla Metropolitana di Salonicco.