24 aprile 2024
Aggiornato 18:30
Iniquità della manovra

I nuovi valori catastali quando son caduti i valori di mercato

Clerici (Assoedilizia): «Gli accertamenti catastali con le nuove tariffe arrivano proprio quando i valori di mercato non ci sono più: bell'esempio di equità fiscale»

» Occorre chiarire la rilevanza, ai fini fiscali, degli incrementi dei valori catastali degli immobili (fino ed oltre il 100 % ) conseguenti alla operazione di revisione compiuta dalla Agenzia del Territorio di Milano.
Perché, non si tratta solo di pagare una maggiore ICI al Comune, o imposte di registro ed ipocatastali maggiorate in caso di una vendita futura.

Ma c'è in ballo anche la questione del reddito in termini fiscali , in quanto si spostano in avanti tutti i parametri di valutazione ai fini della congruità del reddito dichiarato e della sua rilevanza sul piano degli studi di settore.

Si finisce a pagare l'imposta di successione e quella sulle donazioni, poiché slitta all'indietro il limite della franchigia di legge.

Assoedilizia non può esimersi dal rilevare come questi accertamenti di maggior valore catastale arrivino proprio quando i valori di mercato non ci sono più a causa della crisi economica; a testimonianza, se mai ce ne fosse bisogno,dell'iniquità di una fiscalità immobiliare di carattere patrimoniale, basata sull'automatismo burocratico del sistema catastale, avulso dal contesto dell'andamento generale dell'economia reale ed addirittura dalla redditività o meno del bene.
Il che porta solo ad effetti espropriativi.»