28 settembre 2022
Aggiornato 21:30
Udine

Tresemane, riasfaltato il tratto tra Terminal Nord e Là di Moret

Sopralluogo di Fontanini e Michelini. Entro la prima metà di settembre saranno completate anche via Mantova e via Cotonificio

UDINE - Prosegue a Udine il programma di rifacimento del manto stradale in alcune delle più importanti arterie e vie cittadine. «Dopo avere portato a termine i lavori di sistemazione dell’asfalto in via dei Tre Galli e via Padova - ha dichiarato il vicesindaco e assessore ai lavori pubblici Loris Michelini durante il sopralluogo effettuato lunedì mattina assieme al sindaco Pietro Fontanini al cantiere di viale Tricesimo - in queste ore andiamo a concludere questo importante tratto della Tresemane, a ridosso del confine del Comune, che porta da piazza Donatori di Sangue, in corrispondenza della rotonda del Terminal Nord, alla rotatoria successiva, all’altezza dell’hotel Là di Moret».

«L’utilizzo di uno speciale tipo di asfalto - ha precisato Michelini - ottenuto da materiale recuperato da un’acciaieria dell’Abs mescolato a uno strato superiore di bitume modificato, permetterà a questa e alle altre vie oggetto di recupero di reggere all’usura del traffico e di garantire per anni un fondo compatto e sicuro per automobili, motocicli e biciclette».
Entro la prima metà di settembre saranno inoltre completate anche via Marsala, i cui lavori inizieranno il 26 agosto, e via del Cotonificio, andando così a completare l’intero lotto.

«Con questi lavori - ha sottolineato in Sindaco Fontanini - siamo andati a risistemare quello che rappresenta il principale ingresso settentrionale alla città, facendo così in modo che chi arriva da nord, e penso in particolare ai tanti turisti austriaci e tedeschi che amano Udine e il Friuli, abbiamo il migliore benvenuto possibile. Ma l’obiettivo ultimo di questo programma di interventi e di quelli che attiveremo nei prossimi mesi è non solo quello di rimettere in sicurezza l’intero tessuto urbano, dal centro alle periferie alle frazioni, dalle vie pedonali alle strade ad alto scorrimento, ma anche quello di non dover rimettere mano per anni alle strade che oggi stiamo sistemando, grazie all’impiego di materiali e tecniche innovativi».
Nei prossimi mesi altre trenta vie saranno oggetto di interventi di risistemazione, per un totale di un milione e mezzo di spesa.