15 settembre 2019
Aggiornato 20:00
Una «Lady» diversa

Lady Gaga è la donna dell'anno ma il pop le sta stretto

Billboard l'ha incoronata regina del 2015 e Lady Gaga, alla soglia dei 30 anni, spiega di voler essere un'artista diversa

LOS ANGELES – E' Lady Gaga la donna dell'anno, ed è Billboard ad incoronarla. L'artista è stata scelta per la sua capacità di reinventarsi. Il prossimo anno festeggerà i suoi trent'anni e ha assicurato: «Voglio mostrare a tutti cosa significhi essere una donna a 30 anni».

In continua evoluzione
Lady Gaga ha già dimostrato di sapersi rialzare. Ha smesso i panni di reginetta del pop, per dare vita ad un album jazz con Tony Bennett, con il quale poi è partita per un tour mondiale ed è approdata anche sul piccolo schermo: è stata infatti protagonista della quinta stagione della serie tv American Horror Story, che ha registrato solo nella prima puntata la visualizzazione di ben 12 milioni di persone.

A 30 anni un'artista diversa
Se fino ad ora è stata la paladina degli adolescenti, insegnando loro ad avere il coraggio di esprimere la propria personalità, oggi sente di essere più matura e di voler intraprendere una strada diversa: «Voglio mostrare alle donne e anche agli uomini che non devono per forza cercare di piacere ai 19enni o ai 21enni per avere una hit. Le donne che sono nell'ambiente musicale credono di aver bisogno di vendere qualunque cosa per essere della star, e questo è così triste… Io voglio esplodere ora che entro nei miei 30 anni».

Prendersi i propri tempi
Lady Gaga ha anche detto di avere il bisogno di fermarsi per un po' anche se sa che farlo è un rischio. «Alla fine del 2014 il mio stylist mi ha chiesto se volevo ancora essere una popstar e io gli ho risposto: Se solo potessi fermare il treno e scendere oggi lo farei. Non posso ma ho bisogno di scendere, perché altrimenti potrei morire». Ciò che a Lady Gaga è stato sempre a cuore è l'essenza della sua arte e non tutto ciò che è apparenza e contorno: «Non mi interessava vendere profumi e fragranze. Non mi piace buttare via il tempo passando giornate a stringere mani a sconosciuti e sorridere». La cantante ha anche parlato di quanto sia difficile per un’artista farsi valere in un’industria discografica che privilegia gli affari rispetto al talento e di aver parlato spesso di questa difficoltà con Tony Bennett, col quale peraltro è tornata in studio per un secondo volume di Cheek To Cheek. Ancora nessuna data per il nuovo album #LG5, che potrebbe arrivare nella prossima primavera.