25 gennaio 2022
Aggiornato 08:30
Concerti

Elio e le Storie Tese, via al «Piccoli Energumeni Tour»

Un tour nei palazzetti incominciando da Milano e Roma. L'ironia dissacrante degli Eli torna a sorprenderci e a divertirci insieme alla loro bellissima musica

MILANO - Gli Elio e Le Storie Tese sono pronti per il loro «Piccoli Energumeni Tour» che li vedrà suonare al Mediolanum Forum di Assago il 29 aprile e al Palalottomatica di Roma il 7 maggio (i biglietti in vendita dal 10 novembre) in «grandi spazi come palasport, arene e festival all’aperto, per raggiungere più spettatori in un colpo solo» e proseguirà poi in molte altre località della penisola.

Intimismo e frastuono
«Intimismo e frastuono sono le parole-chiave di questo tour. Sarà un vero spettacolo e non un semplice concerto» dicono gli Eli. «Al contrario dei concerti nei teatri (per i quali sono necessarie 1-2 rappresentazioni per città), nei Café chantant (10-50 rappresentazioni per città) o nelle case di singoli e coppie (migliaia di concerti per città) -spiega la band con la consueta ironia non-sense - la scena musicale del palasport riserva vantaggi. Fra tutti: tocca fare meno concerti». L'altro vantaggio è che «se viene tanta gente, si simpatizza; se viene poca gente, stanno comodi».

Una nuova fase della carriera
Si era già capito dalla ritrovata semplicità (apparente) di Il primo giorno di scuola, il loro nuovo brano uscito lo scorso settembre, e dalla ripubblicazione dei primi tre album insieme a un sacco di materiale introvabile. Dopo le voci (infondate) che li volevano sul punto di sciogliersi, oggi sembra proprio che gli Elio e le Storie Tese abbiano iniziato una nuova fase della loro carriera, in cui hanno ritrovato la voglia di scrivere canzoni insieme e, più in generale, rivivere quel furore creativo che aveva caratterizzato gli anni degli esordi.

Il tour e...Sanremo
Sulla scelta del nome del tour, Piccoli Energumeni, la band spiega: «Quando suoniamo, certe volte ci agitiamo come degli ossessi, altre siamo più belle statuine, come sul poster del concerto». Sulla scelta di Milano e Roma come date di apertura del tour, gli Elii spiegano: «Al contrario di quelli che debuttano col tour ad es. a Gorizia (inventandosi che sono molto legati a Gorizia mentre in realtà devono ancora rodare lo spettacolo e sperano che ai goriziani vada bene tutto), il PET (Piccoli Energumeni Tour) comincerà a Milano e Roma». E ancora: «Che bello sarebbe concludere il tour a Gorizia invece di iniziarvelo, alla faccia di chi ha sempre guardato alla confluenza delle valli d’Isonzo e Vipacco come ad un non-luogo, ad una sorta di discarica culturale che non merita un concerto decente», scherzano. A chi gli chiede se prima del tour passeranno per il Festival di Sanremo, la band risponde: «A Sanremo noi ci andremmo ogni anno perché ci piace tantissimo. Come è stato nel 1996 e nel 2013 se avessimo il brano giusto… Ma abbiamo sempre deciso all'ultimo minuto».