2 marzo 2024
Aggiornato 20:30
Novità

«Dracula Untold», Luke Evans è il conte Vlad versione supereroe

Uscirà il 30 ottobre il Dracula firmato da Gary Shore, che, a differenza degli illustri precedenti, racconta com'è nata la leggenda, e cos'è successo ben 400 anni prima della storia scritta da Bram Stoker

ROMA - Dracula è tornato, più cattivo che mai, e con poteri che non si saremmo mai aspettati. Eccolo il «Dracula Untold» di Gary Shore, in sala dal 30 ottobre, con protagonista il bellissimo Luke Evans. «È un fantasy, ma quello che lo rende diverso da tutti i film su Dracula è che si parla delle origini – ha spiegato l'attore oggi a Roma in conferenza stampa –, quindi prima di entrare nel personaggio della letteratura raccontiamo un aspetto che nessuno fino ad ora aveva mai raccontato al cinema: come è nato Dracula e la sua leggenda». Un Dracula che possiede anche dei super poteri, alla stregua di un supereroe dei fumetti, «ma ricordiamoci che in un certo senso Dracula è il primo supereroe che la letteratura ricorda. Lui si trasforma in pipistrello, è invincibile, non può essere ferito. Questi sono super poteri e forse sono i primi mai raccontati in assoluto». In fondo, Dracula era un «uomo che lottava per le persone amate».

400 ANNI PRIMA - La grande differenza rispetto agli illustri precedenti dedicati al celebre conte Vlad? «Il nostro inizia 400 anni prima rispetto alla storia scritta da Bram Stoker a cui tutti si sono ispirati finora. Noi raccontiamo il suo passato tenebroso, la sua storia d’amore con la moglie, il suo voler difendere il suo popolo disperatamente. Vlad è un uomo che deve affrontare delle emozioni molto reali e che appartengono a tutti. L’amore per la sua famiglia ad esempio. È un personaggio che lotta per se stesso e per chi gli è vicino».

EVANS NEL SEQUEL DE «IL CORVO» - E mentre rivela che tornerà presto a teatro, sua grande passione, Evans anticipa un'altra chicca: sarà protagonista nel remake del film cult «Il Corvo»: «Sono entusiasta di essere stato chiamato. Si tratta di un personaggio interessantissimo e molto controverso per il film che fu interpretato da Brandon Lee, che purtroppo perse la vita durante le riprese. È una storia d’amore su un uomo che perde tutto e poi cerca vendetta. Il progetto prevede di lavorare basandoci molto sul fumetto originale da cui è tratto».