5 aprile 2020
Aggiornato 02:30
Finalmente la sentenza è arrivata

Rihanna tiene lontano lo stalker e si costruisce un «tempio del sesso»

Jonathan Whooper, l'uomo accusato di stalking da Rihanna, dovrà stare lontano dalla popstar per due anni (a circa 91 metri di distanza recita l'ordinanza restrittiva). Intanto la cantante ha in mente grandi cambiamenti per la sua villa alle Barbados

LOS ANGELES - Finalmente la sentenza è arrivata. Jonathan Whooper, l'uomo accusato di stalking da Rihanna, dovrà stare lontano dalla popstar per due anni (a circa 91 metri di distanza recita l'ordinanza restrittiva). Lo ha stabilito il Tribunale di Los Angeles, che punisce così le sortite fuori controllo dell'uomo, noto alle forze dell'ordine per avere precedenti di stalking, atti vandalici e famoso per aver millantato di essere il «futuro marito di Rihanna».
La cantante delle Barbados, quindi, non dovrà più preoccuparsi di Whooper, e potrà quindi concentrarsi sul suo nuovo singolo «The Monster», in collaborazione con Eminem, in uscita il prossimo 5 novembre in concomitanza con il disco del rapper «The Marshall Mathers LP 2».

IL TEMPIO DEL SESSO - Rihanna ha in mente grandi cambiamenti per la sua villa alle Barbados.
RiRi infatti avrebbe intenzione di trasformare la sua mansion nel posto ideale dove far festa e rilassarsi, un luogo incredibile. Vuole infatti costruire un sex dungeon, ovvero un’area dedicata al sesso, dove fare bondage e pratiche sadomaso!
Ma al tempo stesso dovrebbe esserci anche un proprio personale nightclub, modellato su quello che al momento è il suo preferito: il DSTRKT di Londra.
E non è finita qui, perchè sono previsti anche 3 bar a tema: reggae, whisky e ’80s.
Il tutto alla «modica» cifra di 9,6 milioni di dollari!

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal