14 ottobre 2019
Aggiornato 07:30
Un caso unico nel cinema italiano

Il film d'esordio di Alemą distribuito in tutto il mondo

«At the end of the day», girato in inglese con attori stranieri, sarą nella sale dal 22 luglio

ROMA - Cosimo Alemą, regista di video musicali di Mina, Nannini, Ligabue e molti altri, esordisce al cinema e riesce subito a farsi conoscere fuori dall'Italia. Il suo primo film, At the end of the day, arriverą nelle sale italiane il 22 luglio e poi in tutto il mondo, distribuito in Francia, Inghilterra, Usa e Canada da una major come Universal, e in Australia da Paramount. Un caso unico nel cinema italiano, ma il giovane regista romano ha avuto da subito le idee chiare: ha fatto un casting a Londra scegliendo tutti attori stranieri e ha girato il film in lingua inglese. «Volevo fare un film che non rimanesse solo in Italia, e per questo ho scelto di realizzare un action-thriller, un genere che ha un mercato forte all'estero. Poi l'ho mostrato in vari festival ed č piaciuto: ora arriverą in tutto il mondo» ha spiegato Alemą. La pellicola, autoprodotta e low budget, racconta le vicende di un gruppo di ragazzi che va in una foresta per una partita di Soft-Air e si ritrova ad ingaggiare una sanguinosa guerra con degli ex militari fuori controllo.

«L'idea mi č venuta mentre giravo un videoclip con le Vibrazioni: per la prima volta ho visto queste persone che giocavano a fare la guerra e ho pensato di metterle a confronto con chi usa armi vere» ha raccontato il regista. Il film, che a volte rasenta l'horror, non ha una ambientazione precisa: si capisce che l'azione ha luogo in Europa orientale e che i militari deviati sono ex combattenti della guerra dei Balcani. «Dopo che avevo avuto l'idea di 'At the end of the day' ho fatto delle ricerche e mi sono reso conto che negli anni '90 nei Balcani ci sono stati diversi episodi simili a quelli che racconto nel mio film, ovvero avvenimenti violenti ad opera di ex militari. Significa che il meccanismo della guerra non č un gioco ed č difficilmente disinnescabile» ha spiegato Alemą. La sua seconda pellicola č gią in preparazione, ma questa volta si tratterą di un thriller metropolitano, naturalmente sempre girato in inglese.