29 maggio 2022
Aggiornato 04:30
Stati Uniti

Scorsese accusato di evasione fiscale per quasi 3 mln usd

La portavoce nega: «L'Irs ha inviato prematuramente la nota nonostante i precedenti accordi tra il regista e l'agenzia del fisco»

NEW YORK - Il regista premio Oscar Martin Scorsese è stato accusato di aver evaso il fisco americano per 2,85 milioni di dollari. Secondo il New York Post, il regista di Toro scatenato aveva ricevuto lo scorso 14 febbraio una nota dell'Internal Revenue Service, l'agenzia del fisco americana, che chiedeva il pagamento delle somme dovute.

I problemi tra il regista e il fisco americano sarebbero stati causati dal consulente finanziario Kenneth Starr, condannato a sette anni e mezzo di reclusione per aver raggirato i suoi clienti, per lo più personaggi del mondo dello spettacolo. Scorsese «è stato consigliato in modo sbagliato quando era cliente di Starr», ha spiegato una fonte.
Leslee Dart portavoce del regista cresciuto nel Queens e residente nell'Upper East Side a New York, nega che Scorsese debba soldi al fisco. «L'Irs ha inviato prematuramente la nota nonostante i precedenti accordi tra il regista e l'agenzia del fisco», ha spiegato Dart che aggiunge, «ad oggi, le pendenze sono state risolte e (Scorsese) non ha alcun debito».

Scorsese ha già avuto problemi in passato con l'Irs. Tra il 2002 e il 2003, gli sono state contestate evasioni per un totale di 1,9 milioni di dollari. Secondo i documenti del dipartimento delle Finanze della città di New York, i soldi dovuti sono stati pagati.
Il regista vincitore del premio Oscar per The Departed non è l'unica stella hollywoodiana nel mirino del fisco: Al Pacino è stato accusato di aver evaso il fisco per 188.283,50 dollari.