1 giugno 2020
Aggiornato 11:30
RAI: convegno su alta definizione tv

Alta Definizione Televisiva «La Qualità che si vede»

Promosso dalla Direzione Strategie Tecnologiche della RAI, occasione per celebrare i 25 anni di impegno tecnologico della RAI in materia di Alta Definizione

Si è concluso oggi il convegno sull’Alta Definizione Televisiva «La Qualità» che si vede», promosso dalla Direzione Strategie Tecnologiche della RAI, occasione per celebrare i 25 anni di impegno tecnologico della RAI in materia di Alta Definizione. Alla manifestazione ha partecipato il Direttore Generale Claudio Cappon, i consiglieri RAI Petroni e Rognoni ed un’ampia rappresentanza degli uomini che hanno fatto la storia della Televisione e dell’Alta Definizione: in particolare il Presidente Manca, i Direttori Generali Bernabei ed Agnes ed il Vice Direttore Generale Fichera. Sono stati presenti anche i Commissari dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ed il prof. Morcellini, preside della facoltà Scienze della Comunicazione della Sapienza.

Giuliano Montaldo, regista della prima produzione RAI in Alta Definizione, l’Arlecchino a Venezia del 1983, intervistato da Licia Colò e Roberto Giacobbo, ha commentato con entusiasmo i progressi della tecnologia televisiva che oggi consente riprese in digitale con qualità uguale o superiore a quelle cinematografiche in 35 mm.

I presenti hanno potuto apprezzare anche l’imponente effetto di coinvolgimento scenico della Super Hi-Vision, di cui si è data la prima dimostrazione europea, una super alta definizione che arriverà in casa tra qualche anno. La SHV, frutto dell’accordo tra RAI, NHK e BBC, è sedici volte più definita della odierna alta definizione e può essere trasmessa da satellite grazie a innovative tecnologie di compressione sviluppate dalla RAI.

Tale iniziativa è ulteriore conferma dell’importanza della collaborazione tra i grandi Servizi pubblici per l’innovazione tecnologica e lo sviluppo del Sistema Italia.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal