27 gennaio 2022
Aggiornato 19:00
Tribunale

Abusato con un ombrello e costretto a mangiare escrementi, condannati 2 bulli

La condanna per i due aguzzini torinesi è arrivata questa mattina, lunedì 30 ottobre: 8 anni e sei mesi di reclusione per stalking e abusi sessuali

TORINO - Era il 2013 quando le violenze hanno avuto inizio. La vittima, un ragazzo di allora 16 anni, veniva costretto da due compagni di classe a subire le sevizie più spietate. Stando a quanto emerso durante il processo il ragazzo era stato costretto a mangiare escrementi di cane, lumache e veviva più volte seviziato con un ombrello. Non solo, pare che i due bulli abbiano anche obbligato il ragazzo ad avere un rapporto sesssuale con una prostituta, restando a guardarlo poco distante.

TRIBUNALE - La condanna per i due bulli torinesi è arrivata questa mattina, lunedì 30 ottobre: il Tribunale di Torino ha deliberato 8 anni e sei mesi di reclusione per stalking e abusi sessuali. Il pm che ha condotto l'accusa, Dionigi Tibone, aveva chiesto una condanna a 8 anni, ma il tribunale ha deciso per una pena esemplare per i due aguzzini.