17 febbraio 2020
Aggiornato 17:30
Tutto esaurito al Mandela Forum per il campione Petrosyan

Firenze si infiamma per Oktagon, tra kickboxing e arti marziali

Diciotto incontri tra ring e gabbia nei quali si sono avvicendati i protagonisti più attesi della notte fiorentina: i fratelli Armen e Giorgio Petrosyan, col primo che ha conservato il titolo mondiale ISKA 70 kg. nelle Victory World battendo ai punti il francese Charles Francois.

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2016/12/20161212_video_18241865.mp4

FIRENZE - Tutto esaurito al Mandela Forum di Firenze per «Oktagon Bellator», prestigioso gala internazionale di sport da combattimento che ha infiammato migliaia di appassionati del genere con le più grandi stelle mondiali di kickboxing e arti marziali miste.

Diciotto incontri tra ring e gabbia nei quali si sono avvicendati i protagonisti più attesi della notte fiorentina: i fratelli Armen e Giorgio Petrosyan, col primo che ha conservato il titolo mondiale ISKA 70 kg. nelle Victory World battendo ai punti il francese Charles Francois e con Re Giorgio che nel giorno del suo 31mo compleanno ha sconfitto per ko tecnico alla seconda ripresa il britannico Jordan Watson in Bellator Kickboxing, il beniamino di casa Mustapha Haida che ha mantenuto la corona iridata dei 72,5 kg, vincendo ai punti contro il francese Johane Beausejour, e il «legionario» Alessio Sakara, eroe assoluto della gabbia di Bellator 167 che ha regolato lo statunitense Joey Felipe Beltran per ko tecnico in meno di un minuto.

Sconfitta a testa alta per Gloria Peritore, l'altra campionessa «di casa» insieme a Haida, che ha ceduto ai punti a Denise Kielholtz nel match valevole per il titolo mondiale dei 56,6 kg. di Bellator Kickboxing.