27 maggio 2020
Aggiornato 15:30
Formula 3 | Gran Premio di Macao

Mick Schumacher e i baby ferraristi alla superclassica di fine anno

Il figlio del grande Michael, insieme a due portacolori della Ferrari Driver Academy, Callum Ilott e Guanyu Zhou, saranno tra i piloti del team italiano Prema alla storica gara sul Guia Circuit

MACAO – Il team Prema è pronto a concludere la propria stagione internazionale di Formula 3 con un appuntamento storico, quello col 64° Grand Prix di Macao. La scuderia veneta tornerà al via sul Guia Circuit, e dopo aver incamerato il titolo team nel campionato europeo, andrà alla ricerca di ulteriori riconoscimenti a Macao, in un appuntamento che ha già portato in dote tre successi negli ultimi sei anni. Il difficile tracciato cittadino di oltre sei chilometri, che include passaggi velocissimi e sezioni molto più tortuosi senza vie di fuga, vedrà al via quattro vetture preparate da Prema, con al volante il quartetto già protagonista della serie europea. L'obiettivo, quello di massimizzare la confidenza. Maximilian Günther, terzo nella serie continentale, sarà al via con la Dallara-Mercedes numero 9 mentre Callum Ilott, quarto in campionato e tra i protagonisti del 2016 a Macao, sarà alla sua prima apparizione sotto le insegne della Ferrari Driver Academy con la vettura numero 7. Al via anche Guanyu Zhou, da tempo parte del programma giovani di Maranello: il pilota cinese correrà in casa, cosa che sicuramente gli darà ulteriori motivazioni al termine di un'annata che l'ha visto chiudere a podio più volte. Ultimo, ma certamente non meno importante, il diciottenne Mick Schumacher sarà per la prima volta al via di Macao per completare al meglio la sua stagione di debutto in F3.

Pronti a cominciare
Ancor prima di scendere in pista, i piloti sono già stati protagonisti di una serie di attività promozionali e benefiche mentre le attività agonistiche prenderanno il via il giovedì, con la disputa delle prime libere. «Siamo entusiasti di tornare al via di un evento così spettacolare, e di essere partner di una struttura storica come Theodore Racing – dichiara il team manager René Rosin – Il Grand Prix di Macao sarà come sempre una grande sfida, e per massimizzare la nostra esperienza insieme ci siamo affidati agli stessi protagonisti portati al via del campionato europeo. Siamo felici di poter continuare a lavorare con piloti così di talento, e speriamo che i risultati ci diano ragione. A Macao le variabili ambientali sono molte, a partire da un circuito estremamente selettivo e dal particolare programma del fine settimana, ma non vediamo l'ora di scendere in pista e ci affideremo alla forza del gruppo per ottenere il miglior risultato possibile».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal