21 luglio 2024
Aggiornato 13:00
MotoGp | Repubblica Ceca

Pedrosa domina le seconde libere. Rossi: «Resto in Ducati al 100%»

Sul circuito di Brno pilota Honda si conferma il numero uno. Secondo Stoner, terzo Simoncelli. Quarto Jorge Lorenzo, seguito da Andrea Dovizioso e Ben Spies

BRNO - Sul circuito di Brno si conferma numero uno Dani Pedrosa. Dopo aver terminato le prime libere al comando della classifica, il pilota spagnolo completa con il miglior tempo pure le seconde libere. Il pilota della Repsol Honda ferma il cronometro a 1'56:454, con ben 377 millesimi di vantaggio sul compagno di squadra Casey Stoner (1'56:831). Terzo tempo, come al mattino, per Marco Simoncelli, che alla guida della Honda del team Gresini gira in 1'57:136, a quasi sette decimi da Pedrosa.
Quarto Jorge Lorenzo, seguito da Andrea Dovizioso e Ben Spies. Valentino Rossi, 11esimo dopo le prime libere, migliora il suo tempo e si porta al settimo posto: 1'57:745, a quasi un secondo e tre decimi dal leader spagnolo. Quindicesimo Loris Capirossi.

PEDROSA: LA PAUSA ESTIVA CI VOLEVA - Detentore del miglior tempo dopo le prove libere del GP della Repubblica Ceca della MotoGP, sul circuito di Brno, Dani Pedrosa ammette di sentirsi alla grande: «Fin dal primo giro avevo un buon feeling e la moto lavorava bene, così siamo andati avanti, migliorando poco a poco in entrambi i turni - ha spiegato lo spagnolo della Honda - Mi sento bene e riposato grazie alla pausa estiva, il resto poi mi ha aiutato. Sento una forza ed un'energia che non avevo nelle gare precedenti. Confido di poter mantenere un buon passo e di essere forte in gara. Sono contento del lavoro svolto nei due turni di libere, ma penso di poter migliorare ancora. Anche gli altri piloti cresceranno, così dobbiamo restare concentrati. Oggi ho sempre girato solo, forse domani potrò confrontarmi con gli altri piloti e individuare i loro punti forti e quelli deboli».

ROSSI: RESTO IN DUCATI NEL 2012, AL 100% - Nonostante le difficoltà incontrate anche nelle prove libere del GP della Repubblica Ceca, Valentino Rossi conferma l'amore per la Ducati e mette fine ad una ridda di voci che lo volevano accasato ad un'altra scuderia della MotoGp nella prossima stagione: «Resto in Ducati nel 2012, al 100% - dice il pesarese, impegnato sulla pista dove conquistò la sua prima vittoria in 125cc - parlare del futuro, oltre il 2012 è troppo presto. La priorità è continuare con la Ducati e mettere a posto la moto e renderla sfruttabile anche da altri piloti. La situazione per il weekend? Oggi abbiamo cominciato meglio rispetto alle ultime gare perchè, anche se sono settimo, il nostro tempo non è male e Spies e Dovizioso sono davanti ma vicini. Questo è positivo ma la cosa davvero importante sarà riuscire a continuare così e migliorare anche domani, turno per turno, togliendo altri decimi».