15 ottobre 2019
Aggiornato 09:00
Final-6 World grand prix

Volley, scivolone dell'Italia: Stati Uniti vincono 3-0

Seconda giornata e primo kappaò per le azzurre. L'Italia tornerà in campo domani mattina per affrontare il Giappone

NINGBO - Brutto scivolone per l'Italia, battuta questa mattina per 3-0 dagli Stati Uniti nel match che ha aperto la seconda giornata delle final-6 del World Grand Prix di volley femminile di Ningbo (in Cina). Le azzurre del ct Massimo Barbolini, che ieri avevano travolto 3-0 le cinesi padrone di casa, oggi si sono arrese con i parziali di 25-23, 25-20, 25-14 in un'ora e 11 minuti. Le statunitensi ieri all'esordio avevano sconfitto per 3-2 la Polonia. L'Italia tornerà in campo domani mattina per affrontare il Giappone.

PICCININI: «UNA GIORNATA NEGATIVA» - Il successo lancia gli Usa al primo posto, mentre l'Italia scivola alle loro spalle e deve sperare in un pronto riscatto domani contro il Giappone per riprendere il discorso con il podio.
«Abbiamo cominciato male ma eravamo convinte di riuscire a far girare il match - il commento di Francesca Piccinini - invece non è andata così. Una giornata negativa, non abbiamo gestito bene l'attacco. Però bisogna guardare avanti ai prossimi tre incontri».

STATI UNITI-ITALIA 3-0 (25-23, 25-20, 25-14)
Stati Uniti: Larson 5, Bown 9, Glass 2, Tom 13, Akinradewo 14, Hooker 16. Libero: Sykora. Barboza. Non entrate: Hodge, Tamas, Nnamani, Spicer. All.: McCutcheon.
Italia: Del Core 12, Barazza 11, Ortolani 6, Piccinini 2, Gioli 12, Lo Bianco 1. Libero: Merlo. Bosetti 3, Arrighetti, Barcellini. Non entrate: Rondon, Crisanti. All.: Barbolini.
Arbitri: Kang (Cor) e Bjelic (Ser).
Durata set: 25', 25', 22'.
Usa: battute vincenti 5, battute sbagliate 5, muri 11, errori 5.
Italia: battute vincenti 1, battute sbagliate 4, muri 3, errori 12.