16 settembre 2019
Aggiornato 02:30
Vela

Soldini sempre in testa «ma ci siamo piantati»

«Telecom Italia» in una bolla di poco vento verso le azzorre

Sono sempre in testa nella regata Les Sables (Francia)-Horta (Azzorre)-Les Sables gli skipper Giovanni Soldini e Karine Fauconnier, che sul class 40 «Telecom Italia» aumentano il vantaggio sui loro diretti inseguitori. Al rilevamento delle 14 la barca australiana «Palanad II» (Nicholas Brennan e Oliver Bond) si trova a 40 miglia di distanza, a 41 miglia i belgi di «Zed 4» (Gérald Bibot e Didier Le Vour'ch) e i francesi di GG Mer (Wilfrid Clerton e Loïc Lehelley).

«Siamo messi bene, l'opzione sud ha pagato ma il risultato non è affatto scontato», ha spiegato Soldini parlando al telefono satellitare. «Pensavamo - ha continuato - di essere fuori dalla zona di alta pressione, avevamo ripreso una buona velocità, invece ci siamo di nuovo piantati nel poco vento. Stiamo navigando a 3 nodi, la situazione è critica. È come se l'asse di alta pressione, da cui eravamo usciti, si fosse gonfiato e ci avesse inglobati di nuovo. Un bel pasticcio. Anche se dovremmo essere noi i primi ad uscirne. Ma con con così poco vento non si sa mai. Per fortuna siamo riusciti stamattina a riparare la drizza, con Karine che è andata in testa d'albero a ripassarla. Ora non ci resta che toglierci al più presto da qui».

Per Telecom Italia ancora 500 le miglia da percorrere (su 1.270 della prima tappa) per arrivare a Horta.