Il pediatra risponde

Appendicite, sintomi e segnali di allarme

Luca Roasio a Diario Salute TV «Il dolore addominale da solo non è sufficiente per una diagnosi di appendicite»

Quando si parla di appendicite si parla di infiammazione di una piccola parte dell’intestino: una minuscola sacca che pare non avere nessun importante utilizzo – spiega il dottor Luca Roasio, specializzato in pediatria. Tuttavia, in seguito a un processo infiammatorio può arrivare a un’infiammazione tale per cui può dare sintomi evidenti e, soprattutto, acuti.

L’esordio dell’appendicite e i sintomi
«Il primo messaggio che vorrei dare è che è impossibile che un’appendicite possa aver avuto il suo esordio dieci giorni, mesi o anni prima. Il sintomo principale è il dolore addominale. Questo può essere percepito in modo diverso. Purtroppo ci sono bambini che hanno una soglia del dolore molto elevata, per cui è più difficile identificare il problema. Quindi può giocare e muoversi fino all’ultimo momento quando il dolore diventa eccessivo».

Non basta il dolore per una diagnosi di appendicite
«Il dolore addominale è uno dei motivi più frequenti per cui un genitore porta il proprio figlio al pronto soccorso. Ma non è sufficiente per pensare all’appendicite. Il dolore, prima di tutto, deve essere talmente intenso da impedire totalmente l’attività ludica del bambino e aumenta con i cambi di posizione. Ma anche con la camminata, il movimento e i saltelli. Inoltre è un dolore che migra dalla zona periombelicale alla zona laterale (fossa iliaca) destra. Se invece si tratta di un dolore crampiforme che va e viene e permette al bambino di muoversi non può essere sintomo di appendicite».

Se c’è anche vomito può trattarsi di appendicite
«Il dolore costante, profondo che il bambino riferisce e compromette l’attività ludica e, peggio ancora, che si associa al vomito che compare dopo alcune ore di dolore addominale è un problema che va approfondito. Soprattutto anche il dolore che permane anche dopo che il bambino è andato in bagno e non subisce alcuna modificazione, è un disturbo che necessita di un approfondimento medico. È importante sottolineare che, da solo, il dolore addominale non fa diagnosi di appendicite».

Prima di andare al pronto soccorso…
«La maggior parte dei bimbi che arriva al pronto soccorso con dolore addominale non hanno l’appendicite ma solo feci ferme. Nel dubbio, meglio prima provare a liberare il bambino attraverso un clistere, se dopo l’evacuazione il dolore non subisce alcun cambiamento è meglio farlo visitare», conclude il dottor Roasio.