20 settembre 2019
Aggiornato 11:30
Caffè istruzioni per l'uso

Caffè, sai qual è la quantità giusta per te?

Ti fa male bere più di due tazzine al giorno? Ha controindicazioni il caffè solubile o il caffè verde? Martina Mangino a DiarioTV: tutti i consigli per un buon utilizzo del caffè

http://rrr.sz.xlcdn.com/?account=diariodelweb&file=salute%2F20151215_salute_caffe.mp4&type=streaming&service=wowza&output=smil

ROMA – Alzi la mano chi non ama prendere una fumante tazzina di caffè ogni mattina, per garantire un buon risveglio e attenzione durante le ore lavorative. L’italiano difficilmente sa rinunciare al caffè, però non sempre lo utilizza nel migliore dei modi. I consigli della dottoressa in dietistica Martina Mangino per fare un buon uso del caffè.

Il caffè non è adatto a tutti
«Il caffè – spiega Martina Mangino, dietista di Torino – contiene molti antiossidanti e caffeina, soprattutto quest’ultima, oltre dare effetti positivi legati all’uso del caffè può dare assuefazione». Il caffè, non è adatto a tutte le persone, trattandosi di una bevanda stimolante il suo utilizzo sarebbe maggiormente appropriato per le persone con un metabolismo lento e con pressione bassa. Infatti «aumenta la pressione sanguigna e sostiene il sistema nervoso».

Ottimo per chi ha problemi digestivi e deve rimanere in attenzione
Il caffè è un’ottima bevanda per le persone che hanno una lenta digestione e che svolgono lavori in cui l’attenzione è fondamentale. Questo perché «aumenta lo stato di allerta e la secrezione di succhi gastrici», però è sconsigliato nei soggetti che soffrono di gastrite o reflusso gastro-esofageo oppure, come spiega Martina Mangino, è preferibile in questi casi assumerlo a stomaco vuoto.

Migliora la diuresi e favorisce lo svuotamento dell’intestino
«In alcune persone può dare un effetto lassativo e diuretico», continua Mangino. In particolare questo accade se il caffè viene assunto a digiuno.

La dose giusta di caffè, esiste?
Quale è la quantità – e quindi di caffeina – consentita al giorno? «Anche piccole dosi, quindi 150-200 mg di caffeina in alcuni soggetti più sensibili possono causare alterazioni nel sonno, dare tachicardia e agitazione. Di conseguenza sarebbe preferibile non assumerne più di 400 mg al giorno che equivalgono a circa 3 o 4 tazzine, come dose massima».

Il caffè solubile ha controindicazioni?
«Spesso per comodità si utilizza il caffè solubile. Questo non è altro che una polvere di caffè a cui è stata eliminata la parte liquida. Il prodotto non ha alcuna controindicazione, tuttavia, ha la stessa quantità di caffeina del caffè normale».