15 settembre 2019
Aggiornato 19:30
Pregi e difetti del caffè

3 cose che ti accadono dopo aver bevuto il caffè

Bevi il caffè ogni giorno e magari a ogni pasto? Ma sai cosa accade al tuo corpo in seguito alla sua ingestione? Ecco 3 cose che succedono al tuo corpo, dopo il tuo «vizio» quotidiano

Benefici e proprietà del caffè
Benefici e proprietà del caffè Shutterstock

È in assoluto la bevanda più amata degli italiani. Quanti di noi riescono a svegliarsi bene la mattina senza una tazzina fumante di caffè? Eppure c’è chi giura che l’uso quotidiano possa causare seri danni alla salute, e chi invece decanta le sue virtù salutari paragonandolo a una sorta di panacea. Ma per stabilire chi ha ragione e chi torto è importante sapere cosa accade al nostro organismo in seguito alla sua assunzione. Vediamolo insieme.

1 - Migliora la funzionalità gastrica
Il caffè è un vero e proprio stimolante. Agisce in particolare sul nostro apparato digerente. Entro breve tempo dall’assunzione la secrezione gastrica viene accentuata e, insieme, anche quella biliare. Se si è a stomaco pieno probabilmente si avrà la sensazione di un maggior svuotamento gastrico; se al contrario si è a stomaco vuoto, è possibile che alcuni debbano correre in bagno: il caffè irrita l’intestino causando, a volte, evacuazione immediata. Inoltre, poco tempo dopo l’assunzione viene modificata la tolleranza al glucosio. Ciò avviene grazie a un tipo di antiossidante in esso presente: l’acido clorogenico, che ha il compito di rallentare il trasporto del glucosio. In sintesi: il nostro caro caffè stimola la digestione fin dalle prime fasi aumentando la produzione di salvia, la secrezione dei succhi biliari e la motilità intestinale. Quest’ultima però, se fortemente eccitata, può ridurre l’assorbimento di alcuni nutrienti essenziali come per esempio, il ferro.

  • Lo sapevi?
    Il caffè non è affatto d’aiuto – come erroneamente si pensa – in caso di stitichezza. Esso, infatti, aumenta la motilità con un effetto irritativo ma non ne migliora le funzionalità. Inoltre, se assunto a stomaco vuoto in pazienti che soffrono di stitichezza potrebbe causare gonfiore addominale.

Ma se ne consumi in eccesso, le cose cambiano
Attenzione però: se il caffè viene consumato ad alte dosi la stimolazione gastrica è eccessiva, e può causare non pochi danni al sistema digerente. I più classici sono l’acidità di stomaco e la gastrite. Chi soffre di tali disturbi dovrebbe pertanto evitarne l’utilizzo. Allo stesso modo, dovrebbe essere evitato nelle persone affette da ulcere gastriche e reflusso gastroesofageo. Anche se è bene sottolineare che uno studio pubblicato su Epidemiology, e condotto su larga scala, è stato in grado di dimostrare che le bevande contenenti caffeina non peggiorano l’ulcera gastrica. Che sia, quindi, qualche altro componente del caffè il colpevole?

  • Approfondimento: è tutta colpa della caffeina?
    Ovviamente no. Non si può dire che gli effetti positivi o negativi siano dovuti solo ed esclusivamente a una sostanza. È un po’ come quando si accusa esclusivamente il lattosio quando il latte ci ha causato mal di pancia. Il caffè – oltre alla caffeina – contiene diverse sostanze attive e facilmente assimilabili. Tra queste vi sono altri tipi di alcalodi, la trigonellina, Sali minerali, acidi clorogenici, melanoidine, kahweolo, cafestolo eccetera. Queste ultime due sostanze sembrano avere un ruolo protettivo nei confronti del fegato. Tuttavia, va sottolineato che è la sinergia tra queste sostanze – e non i singoli componenti – a provocare una determinata reazione piuttosto che un’altra.

2 -  Aumenta il battito cardiaco
Ebbene sì: il caffè agisce anche a livello cardiaco. Pare che poco tempo dopo l’assunzione possa portare il cuore – dai tradizionali 60 battiti al minuto – fino a 80/100. Secondo alcuni studi, a lungo andare, il caffè potrebbe portare al restringimento delle arterie con conseguente aumento della pressione sanguigna. D’altro canto, il caffè in altri studi ha mostrato effetti benefici anche su questo fronte: stimola la funzionalità cardiaca e nervosa, aumenta l’ossigenazione e l’apporto energetico. Ma non solo: pare che diminuisca il rischio di attacchi cardiaci. L’effetto stimolante, però, nelle persone tendenzialmente agitate potrebbe anche provocare tremori, sbalzi di pressione, insonnia, ansia, attacchi di panico e persino vampate di calore.

Se ne consumi più di due tazzine al giorno, rischi
Come sempre l’eccesso di caffè può risultare deleterio. Uno studio pubblicato recentemente su Plos One ha evidenziato che il consumo di oltre 2 tazzine al giorno di caffè ‘all’italiana’ è associato a un aumentato rischio di malattia coronarica. La causa, secondo alcuni scienziati, risiederebbe nella presenza di alcuni diterpeni presenti nel caffè non filtrato e nella caffeina. Di contro, un caffè ricco di antiossidanti ne mitigherebbe l’effetto avverso.

  • Una curiosità
    Il caffè bollito, che spesso si vede servire nei Paesi nordici, sembra contenere molti più lipidi (grassi) che vengono estratti attraverso la bollitura. Secondo alcune indagini, questo tipo di caffè conterrebbe il cosiddetto fattore X, il quale pare sia collegato a un aumento di colesterolo ematico.

3 - Riduce la formazione della carie
Se si è in giro e non ci si può lavare subito i denti, niente paura: il caffè potrebbe essere d’aiuto. Secondo alcuni studi scientifici, infatti, esso sarebbe in grado di agire contro alcuni batteri responsabili della carie come lo streptococco mutans. Un effetto simile sembra possa essere ottenuto anche con il caffè di cicoria.

Se si consumano cinque tazzine al giorno, l’effetto non è dei più belli
Bevendo almeno cinque tazzine di caffè al giorno, però, si rischia di avere denti tutt’altro che belli. Essi, infatti, possono assumere un antiestetico colore giallognolo. Inoltre, se si beve il caffè troppo velocemente si innesca ciò che viene chiamato coffee breath. Non solo l’alito assume il caratteristico odore di caffè, ma le mucose orali tendono a seccarsi più velocemente. Inoltre in questo modo le cellule che si trovano all’interno della bocca – e che vivono solo tre giorni – muoiono prematuramente. Insomma, dopo aver bevuto il caffè possiamo ottenere risultati positivi o negativi a seconda di quanto e come l’assumiamo. A noi la scelta.

[1] Diabetes Care. 2004 Dec;27(12):2990-2. Effects of coffee consumption on fasting blood glucose and insulin concentrations: randomized controlled trials in healthy volunteers. van Dam RM1, Pasman WJ, Verhoef P.

[2] Am J Clin Nutr. 2008 May;87(5):1254-61. Caffeinated coffee consumption impairs blood glucose homeostasis in response to high and low glycemic index meals in healthy men. Moisey LL1, Kacker S, Bickerton AC, Robinson LE, Graham TE.

[3] Horm Metab Res. 2006 Jan;38(1):38-43. Effects of coffee consumption on glucose tolerance, serum glucose and insulin levels--a cross-sectional analysis. Bidel S1, Hu G, Sundvall J, Kaprio J, Tuomilehto J.

[4] Appl Physiol Nutr Metab. 2008 Dec;33(6):1290-300. doi: 10.1139/H08-123. Coffee, glucose homeostasis, and insulin resistance: physiological mechanisms and mediators. Tunnicliffe JM1, Shearer J.

[5] Circulation. 2014 Feb 11;129(6):643-59. doi: 10.1161/CIRCULATIONAHA.113.005925. Epub 2013 Nov 7. Long-term coffee consumption and risk of cardiovascular disease: a systematic review and a dose-response meta-analysis of prospective cohort studies. Ding M1, Bhupathiraju SN, Satija A, van Dam RM, Hu FB.

[6] PLoS One. 2015 May 6;10(5):e0126550. doi: 10.1371/journal.pone.0126550. eCollection 2015. Espresso coffee consumption and risk of coronary heart disease in a large Italian cohort. Grioni S1, Agnoli C1, Sieri S1, Pala V1, Ricceri F2, Masala G3, Saieva C3, Panico S4, Mattiello A4, Chiodini P5, Tumino R6, Frasca G6, Iacoviello L7, de Curtis A7, Vineis P8, Krogh V1.

[7] Curr Opin Clin Nutr Metab Care. 2007 Nov;10(6):745-51. Coffee, caffeine, and coronary heart disease. Cornelis MC1, El-Sohemy A.

[8] J Agric Food Chem. 2002 Feb 27;50(5):1225-9. Antiadhesive effect of green and roasted coffee on Streptococcus mutans' adhesive properties on saliva-coated hydroxyapatite beads. Daglia M1, Tarsi R, Papetti A, Grisoli P, Dacarro C, Pruzzo C, Gazzani G.

[9] J Oral Maxillofac Pathol. 2014 May-Aug; 18(2): 201–206. doi:  10.4103/0973-029X.140749 PMCID: PMC4196287 Antimicrobial and anti-adherence activity of various combinations of coffee-chicory solutions on Streptococcus mutans: An in-vitro study Rama Sharma, Vamsi Krishna L Reddy,1 GM Prashant,2 Vivek Ojha,3 and Naveen PG Kumar2