30 settembre 2020
Aggiornato 10:00
Errori medici

Medici scambiano il tumore per un feto. Muore a 22 anni

Una ragazza di 22 anni, truccatrice per Lancôme è morta dopo che i medici hanno scambiato per un feto il tumore che l’aveva colpita. Ricoverata come fosse in gravidanza nel reparto maternità prima di scoprire che il feto era in realtà un adenocarcinoma

REGNO UNITO – Ha dell’incredibile la vicenda toccata a Demi Wright, una ragazza di 22 anni di Colchester – Essex (UK), che è stata ricoverata nel reparto maternità perché ritenuta incinta, quando invece la massa (scambiata per un feto) che l’aveva invasa era una forma molto aggressiva di cancro, chiamata adenocarcinoma. Non riconosciuto per tempo, il tumore in fase terminale l’ha uccisa nel giro di pochissimo tempo.

Un futuro davanti a sé
Aveva un futuro davanti a sé, Demi Wright. Faceva la truccatrice per la Lancôme, e di certo non pensava che quei dolori che erano comparsi sul lato destro del corpo e alla schiena fossero dovuti a un cancro. Recatasi all’ospedale, lo scorso novembre, la diagnosi è stata di una gravidanza. I medici lo hanno dedotto perché le analisi del sangue eseguite avevano mostrato alti livelli di gonadotropina corionica umana, un ormone che normalmente è rilasciato proprio durante la gravidanza. Per questo motivo è stata ricoverata nel reparto maternità.

La situazione peggiora subito
Ma la gravidanza era insolita, dato che le condizioni di salute della ragazza sono peggiorate quasi subito. Un’ulteriori analisi aveva poi infatti rivelato che quegli ormoni, imputati alla gravidanza, erano invece secreti da un cancro di quasi 13 cm che aveva colpito il fegato. I medici del Colchester Hospital hanno allora poi capito che la situazione era grave. L’adenocarcinoma era in fase avanzata e aveva già colpito il pancreas e altre parti del corpo. Infatti Demi Wright muore il 23 febbraio, tre mesi dopo il ricovero.

Ma le ecografie?
Il padre di Demi Wright ricorda che quando sono state eseguite le ecografie, che avrebbero dovuto rivelare la presenza di un feto, in realtà non hanno mostrato nulla. La spiegazione medica è stata che si potesse trattare di una gravidanza extrauterina (quando il feto si sviluppa nella tuba di Falloppio). Così, quando i medici hanno deciso per l’intervento della presunta gravidanza ectopica (extrauterina) si sono trovati davanti il tumore. Nonostante quanto accaduto, secondo i medici il cancro poteva essere dovuto proprio a un tipo di gravidanza detta «molare», dove il feto non si sviluppa normalmente e forma tessuti anomali. Se le cellule non vengono rimosse c’è il rischio di sviluppare un tumore. E così sarebbe avvenuto. Ma la verità purtroppo la conosce soltanto la povera ragazza.