21 aprile 2024
Aggiornato 22:00
Le risposte della scienza sullo scrocchio

Scrocchiare le dita fa male? Ecco cosa accade

Quando si scrocchiano le dita si produce una forma di energia: ecco ciò che accade veramente all’interno del tuo corpo

CALIFORNIA – Probabilmente tutti, almeno una volta nella vita, abbiamo scrocchiato le dita. C’è chi poi lo fa più volte al giorno, quasi fosse un gesto dalle virtù rilassanti. Cosa accade veramente all’interno della nostra mano, tuttavia, nessuno lo sapeva davvero – almeno fino a ieri. Uno studio americano è riuscito a mostrare il «dietro le quinte».

L’evidenza grazie agli ultrasuoni
I ricercatori dell’università della California sono riusciti a evidenziare ciò che accade durante lo «scrocchiamento delle dita» grazie a un’ecografia a ultrasuoni. Durante lo studio sono stai arruolati 40 adulti con il vizio di farsi scrocchiare le dita. E il risultato è stato sorprendete: durante il gesto si genera energia elettrica evidenziata da una scarica luminosa.

Il motivo è il cambiamento di pressione
«Siamo certi che lo schiocco e il flash siano relativi ai cambiamenti dinamici di pressione associati a una bolla di gas nell’articolazione», spiega Robert Boutin, professore di radiologia all’University of California. Ciò che invece ancora non è chiaro agli studiosi è se arriva prima il rumore o la luce. Lo studio è stato presentato al meeting annuale della Radiological Society of North America (Rsna), in corso a Chicago.

Rischi o benefici a lungo termine?
Lo studio, però, necessita di ulteriori verifiche perché non è stato in alcun modo in grado di dimostrare se lo «scrocchio» possa dare qualche beneficio o, al contrario, causare danni. «Non abbiamo registrato alcun problema, anche se dovranno essere svolte ulteriori ricerche per valutare eventuali rischi, o benefici, a lungo termine», continua Boutin. Una cosa però è stata chiarita: la bolla di gas che si forma all’interno necessita di un po’ di tempo per sciogliersi nel liquido sinoviale (che ha lo scopo di lubrificare le articolazioni) che risiede all’interno della cavità articolari.

Lo studio precedente
A marzo del 2015, anche il dottor Donald L. Unger aveva mostrato cosa accade durante lo scrocchiamento delle dita e, secondo lui, il crack che si avverte è dovuto all’esplosione delle bolle di gas. Lo studio aveva mostrato che occorrono almeno 20 minuti affinché queste si riformino.