20 settembre 2019
Aggiornato 22:30
Le verdure grigliate sono ricche di sostanze benefiche

Grigliate: con le verdure fai il pieno di antiossidanti

Verdure antiossidanti e preventive dei tumori. Per ottenere il massimo, alcune sono meglio grigliate che non crude. Due studi mostrano come cuocere alla griglia in certi casi mantenga e favorisca la produzione di sostanze benefiche

ROMA – Sono in molti a sostenere che il meglio dai cibi vegetali lo si ottenga consumandoli crudi. Se per certi versi può essere vero, nel caso di alcuni ortaggi può non esserlo. Due nuovi studi affermano infatti che cuocere alla griglia può non solo mantenere inalterate le proprietà, ma addirittura far aumentare la concentrazione di benefiche sostanza antiossidanti.

PIÙ BENESSERE – E’ ormai risaputo come gli antiossidanti siano sostanze benefiche per prevenire malattie – anche gravi come quelle cardiocircolatorie, metaboliche e i tumori – e per contrastare l’invecchiamento, sia estetico che dell’organismo. Fonti di questi preziosi alleati del benessere e della salute sono in genere i vegetali. Ci sono quelli che ne contengono di più; quelli che ne contengono meno. Ma alquanto pare c’è un modo alquanto semplice per ottenerne il massimo: quello di cuocere alcune verdure alla griglia.

UN PIACERE – Quello delle grigliate è un piacere che molti italiani apprezzano – specie durante le belle giornate. Per questo non costerà di certo fatica cuocere le verdure in questo modo. In più, è possibile fare tutto ciò senza dover per forza utilizzare un barbecue, ma anche una semplice piastra o pentola apposita. A incentivare questo metodo di cottura è una recente ricerca spagnola, pubblicata sul Journal of Food Science, che evidenzia come il processo di cottura alla griglia non alteri, come si potrebbe pensare, le componenti antiossidanti delle verdure. Non solo. Questo processo pare contribuisca in alcuni casi al rilascio di un maggiore quantitativo di polifenoli e componenti vitaminiche, rispetto a quelli presenti nell’ortaggio in forma cruda.

UNA CONFERMA – A conferma di questo studio è anche un altro condotto dal dott. Roberto Lo Scalzo e pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry. In questo studio, incentrato sulle melanzane, si è scoperto come il processo di cottura alla griglia incentivasse un leggero incremento di sostanze antiossidanti. Il dottor Lo Scalzo ritiene che le melanzane rappresentino il banco di prova ideale per attestare i benefici della cottura alla griglia, per via della loro composizione e delle sostanze in esse contenute. In definitiva, dovendo cuocere delle verdure, in alcuni casi è meglio scegliere di grigliarle, facendone il contorno ideale di banchetti in piacevole compagnia.