16 giugno 2019
Aggiornato 23:00
Decreto sicurezza

Contro il decreto Salvini la nuova bordata dell'Unhcr: retorica xenofoba, africani e rom particolarmente colpiti

Un nuovo rapporto stilato dagli esperti dell'Alto commissariato per i diritti umani dell'Onu attacca duramente la linea del governo

Manifestazione contro il decreto Salvini
Manifestazione contro il decreto Salvini ( ANSA )

ROMA - Contro il decreto Salvini una nuova bordata dell'Onu. La proposta italiana di inasprire le norme sull'immigrazione avrà un grave impatto sulla vita dei migranti ed è fonte di grave preoccupazione, sostengono gli esperti dell'Alto Commissariato per i diritti umani delle Nazioni Unite, che sollecitano ancora una volta il governo a invertire la rotta. "Siamo anche preoccupati per le continue campagne diffamatorie contro le organizzazioni della società civile impegnate in operazioni di ricerca e salvataggio nel Mediterraneo, così come la criminalizzazione del lavoro dei difensori dei diritti dei migranti, che sono diventati più diffusi in Italia». L'abolizione dello status di protezione umanitaria, l'esclusione dei richiedenti asilo dall'accesso ai centri di accoglienza e la durata prolungata della detenzione nei centri di ritorno e nei punti di crisi minano fondamentalmente i principi internazionali dei diritti umani e porteranno certamente a violazioni di diritti umani internazionali, sostengono.

Esclusione porta a tensioni sociali
Da quando è entrato in carica nel giugno 2018, il nuovo governo italiano ha attuato misure anti-migranti, sottolineano. "La rimozione delle misure di protezione da potenzialmente migliaia di migranti e la limitazione della loro capacità di regolarizzare la loro permanenza in Italia aumenterà la loro vulnerabilità agli attacchi e allo sfruttamento. Saranno maggiormente a rischio per i trafficanti e altri gruppi criminali e molti non avranno mezzi per soddisfare i loro bisogni di base con mezzi leciti». E l'esclusione - proseguono gli esperti nella loro analisi - porta anche a tensioni sociali e ad una maggiore insicurezza. Un approccio inclusivo andrebbe quindi a beneficio non solo dei migranti, ma anche degli italiani, hanno aggiunto gli esperti delle Nazioni Unite.

169 episodi di matrice razzista
Pur riconoscendo le sfide che l'Italia deve affrontare a causa dell'assenza di un efficace sistema di solidarietà a livello europeo, gli esperti delle Nazioni Unite affermano che ciò non giustifica le violazioni dei diritti umani. "Il governo deve rispettare i valori sanciti dalla costituzione italiana e gli impegni internazionali sottoscritti", dicono in un appello al governo per riconsiderare le modifiche legislative. "Durante la più recente campagna elettorale, alcuni politici hanno alimentato un discorso pubblico che abbracciava spudoratamente la retorica razzista e xenofoba anti-immigrante e anti-straniera. Tale discorso incita all'odio e alla discriminazione", sottolineano. "Questo clima di intolleranza non può essere separato dall'escalation in Italia di episodi di odio contro gruppi e individui, compresi i bambini, in base alla loro etnia reale o percepita, colore della pelle, razza e / o status di immigrazione». Le persone di origine africana e rom sono state particolarmente colpite, dicono. Durante e subito dopo la campagna elettorale nazionale di quest'anno, le organizzazioni della società civile hanno registrato 169 episodi di matrice razzista, 126 dei quali riguardavano l'incitamento all'odio razzista e la propaganda, anche in manifestazioni pubbliche. Diciannove casi sono stati segnalati attacchi violenti e motivati dalla razza.

Campagne "diffamatorie" contro chi salva vite
Ma l'Onu si dice preoccupata anche per le continue campagne diffamatorie contro le organizzazioni della società civile impegnate in operazioni di ricerca e salvataggio nel Mediterraneo, così come la criminalizzazione del lavoro dei difensori dei diritti dei migranti, "che sono diventati più diffusi in Italia». Il governo italiano, tra gli altri, ha reso quasi impossibile per le navi delle ONG continuare a salvare i migranti nel Mar Mediterraneo, accusano gli esperti. Ciò ha portato a più migranti che affogano o scompaiono. "Salvare vite non è un crimine. Proteggere la dignità umana non è un crimine. Atti di solidarietà e umanità non dovrebbero essere perseguiti" attaccano. Gli esperti delle Nazioni Unite esortano infine il governo a combattere l'incitamento all'odio e alla discriminazione, al razzismo e alla xenofobia. "Gli autori di crimini di odio devono essere ritenuti responsabili e giustizia fornita alle vittime. Le autorità italiane dovrebbero rispettare il quadro giuridico europeo nazionale e fornire le risposte necessarie ai crimini di odio e l'uso di discorsi di incitamento all'odio".