18 agosto 2018
Aggiornato 20:00

Formula E: Bird vince il primo Gp a Roma, Raggi "Evento anche nei prossimi anni"

Giro di pista per la prima cittadina che in una pausa delle qualifiche ufficiali del Gran Premio di Formula E è montata sulla Safety Car elettrica
Un'immagine del Gran Premio di Formula E che si è svolto oggi per la prima volta a Roma
Un'immagine del Gran Premio di Formula E che si è svolto oggi per la prima volta a Roma (ANSA)

ROMA - Sam Bird ha conquistato la prima edizione dell'E-Prix di Roma nel campionato di Formula E, destinato alle auto elettriche. La Formula E, invece, ha conquistato Roma. Per i prossimi 5 anni nella Capitale si ripeterà l'evento: lo ha annunciato dal paco della Formula E Alejandro Agag, Ceo Formula E e lo ha confermato subito dopo la sindaca Virginia Raggi che raggiunta dai cronisti ha spiegato: "Lavoreremo ad un protocollo di lunga durata. I dettagli dell'accordo ve li sveleremo via via, ma abbiamo questo bell'annuncio da fare a tutta la città». Il pilota della Virgin, Sam Bird, ha preceduto Lucas Di Grassi (Audi) e André Lotterer (Techeetah). Il poleman Felix Rosenqvist è stato costretto al ritiro per aver danneggiato la sospensione della sua Mahindra. Il leader del Mondiale Eric Vergne ha chiuso al quinto posto, mentre l'italiano Luca Filippi non è andato oltre la 13/a posizione. Il prossimo appuntamento del Mondiale di Formula E è in programma a Parigi il 28 aprile.

Il successo dell'evento
Tutto esaurito per la prima edizione della Formula E nella Capitale. Romani e turisti, giovani, meno giovani e tante famiglie in fila per assistere alla gara partita alle 16 a Roma nel quartiere Eur. In mattinata i bolidi erano già in pista per le prove libere e quelle di qualifica: presenti anche molti personaggi dello sport, dello spettacolo, ma anche del mondo della politica. Un progetto che ha indirettamente anche la 'benedizione' di uno che di gran premi se ne intende: il principe Alberto di Monaco, lasciando il palco della premiazione, ha detto che "e' stata una bella gara, un bel posto e un bel circuito. E' andata bene». Oltre a Bebe Vio a Max Biaggi e Felipe Massa, c'erano politici come Pier Ferdinando Casini, Antonio Tajani e Giorgia Meloni. Per la presidente di Fratelli d'Italia, il Gran Premio odierno è "affascinante e dimostra che Roma può ospitare dei grandi eventi e che non è seconda a nessuno». Ultimo ad arrivare in ordine di tempo il leader del Movimento 5 Stelle Luigi di Maio, che ha raggiunto l'area ospiti da un ingresso laterale dribblando così i cronisti che lo attendevano al varco riservato agli accrediti delle personalità.

Costi e ricavi
Secondo una prima stima del Campidoglio e' quantificabile in oltre 2 milioni il valore economico dell'evento sportivo: si tratta di cifre che vanno a beneficio delle casse del Comune, derivate dal valore di interventi o entrate delle tasse come la Cosap, il canone per l'occupazione di suolo pubblico: ad esempio ricade in questa voce l'investimento per il riqualificazione del sottopasso di via Cristoforo Colombo inaugurato giovedi' scorso. E sempre dal Campidoglio filtra un ulteriore importante dato: quello relativo ai costi sostenuti dall'amministrazione. Il Comune ha infatti assicurato, come per tutti i grandi eventi cittadini, una serie di servizi il cui costo e' stavolta stimato in oltre 500mila euro comprensivi ad esempio della spesa per il dispiegamento della Polizia locale. Infine, e' stato conteggiato anche l'indotto relativo a ristorazione, servizio ricettivo e shopping: la cifra per una edizione e' pari a 20 milioni complessivi.

La soddisfazione di Raggi e di Eur Spa
"Roma ha risposto benissimo a questo evento e questa è la dimostrazione di come una super tecnologia sia stata pensata per la città anche perché tutti i tracciati della Formula E si trovano all'interno di centri urbani. Questa è la dimostrazione di come questa tecnologia sia un laboratorio per replicare questi motori anche sulle auto da utilizzare in città. Con questo Gran Premio le persone imparano anche divertendosi che un altro mondo è possibile». Lo ha affermato la sindaca di Roma Virginia Raggi visitando i box della Formula E al suo arrivo al circuito dell'Eur. Rispondendo poi a chi le chideve se fossero in corso contatti per replicare la corsa anche l'anno prossimo, la sindaca ha risposto: "Assolutamente sì, perché per noi è fondamentale fare eventi sostenibili e che lasciano eredità». "Eur SpA - dichiara Enrico Pazzali, Ad di Eur SpA - si è impegnata fin da subito per determinare le condizioni necessarie per portare a Roma e all'Eur questo grande evento sportivo. Abbiamo fornito la logistica dell'evento: la Nuvola ha ospitato la casa della Formula E con l'Allianz E-Village, il Palazzo dei Congressi i box, i team e il media center e i nostri parchi hanno permesso a 15.000 appassionati di partecipare. Ora ci occuperemo dell'organizzazione del 2019». "Roma e l'Eur vincono la scommessa - commenta il presidente di Eur SpA Roberto Diacetti - si afferma il modello di collaborazione pubblico-privato in grado di valorizzare un patrimonio unico nel quale convivono architettura, business, attività congressuali e leisure. La formula E - prosegue - è un grande evento sportivo che ci proietta nel futuro".