22 ottobre 2019
Aggiornato 06:00
Cantiere centrodestra

Salvini: «Prostituzione una scelta, aprire case chiuse»

Il segretario e candidato premeier della Lega rilancia lo storico cavallo di battaglia del Carroccio per legalizzare lo sfruttamento sessuale

ROMA - Il segretario e candidato premeier della Lega rilancia lo storico cavallo di battaglia della Lega della legalizzazione della prostituzione con la riapertura delle case chiuse.«Regolamentare e tassare la prostituzione come nei Paesi civili, riaprendo le 'case chiuse'. Ne sono sempre più convinto», ha scritto Salvini su Twitter. Salvini ha ribadito che «c'è chi sceglie, invece di fare l'insegnante, il poliziotto, il muratore o il giornalista a Rai Radio 1, di prostituirsi, per soldi. Nel mondo sviluppato non si fa finta di niente».

Oggi in Italia questo mercato lo gestisce la criminalità
«Oggi in Italia questo mercato lo gestisce la criminalità. E riguarda 80 mila persone - ha concluso -. In Austria, Svizzera, Germania si mettono le regole, si danno garanzie è un lavoro come un altro che si fa per scelta ed è sanitariamente tutelato e tassato. Io al Governo voglio un paese con delle regole».