31 marzo 2020
Aggiornato 08:00
Legittima difesa

Pisa, orefice uccide bandito durante una rapina: ha sparato a mia moglie e ho reagito

Un orefice di Pisa, Daniele Ferretti, 69 anni, ha ferito a morte uno dei malviventi che erano entrati nel suo negozio per rapinarlo. A terra rinvenuti otto bossoli, sei sparati dal gioielliere, che ora è indagato per omicidio

Inquirenti all'esterno della gioielleria Ferretti a Pisa dove un uomo è morto durante una rapina
Inquirenti all'esterno della gioielleria Ferretti a Pisa dove un uomo è morto durante una rapina ANSA

PISA - Un orefice ha reagito a una rapina uccidendo il malvivente. E' successo ier mattina a Pisa. "Ci siamo difesi, perché loro hanno sparato per primi verso mia moglie e io ho reagito. I bossoli sono a terra». Sono le poche parole dette a testimoni e inquirenti da Daniele Ferretti, il gioielliere pisano che ha reagito a un tentativo di rapina uccidendo uno dei due banditi, mentre l'altro, quello armato, è riuscito a fuggire. Da ieri sera il commerciante è chiuso nella sua casa di Ghezzano, piccolo centro alle porte di Pisa, dove vive insieme alla moglie e protetto dal fratello che oppone a tutti coloro che tentano di incontrarlo un cortese quanto fermo rifiuto. In città, intanto, e soprattutto nel quartiere in moltissimi già da ieri sera hanno espresso solidarietà nei confronti di Ferretti postando centinaia di messaggi sui social network o semplicemente transitando davanti al negozio che dalla scorsa notte è stato posto sotto sequestro.

La dinamica
Ferretti avrebbe estratto la sua arma dopo che i banditi, a loro volta armati, avrebbero minacciato la moglie che si trovava in negozio. In base a quanto appreso Ferretti, rapinato più volte negli ultimi anni - l'ultimo tentativo l'anno scorso, mentre il 30 luglio 1999 i malviventi che volevano rapinarlo lo accoltellarono facendolo finire in prognosi riservata - avrebbe preso la sua pistola e intimato ai banditi di restare calmi e andarsene ma per tutta risposta uno di loro avrebbe sparato verso la moglie senza colpirla e a questo punto ci sarebbe stata la reazione del gioielliere.

Una Fiat Panda portata via
Intanto nel negozio sarebbero stati trovati tre bossoli e persone che abitano sopra la gioielleria (che ha sede in un palazzo di cinque piani) hanno riferito di aver udito almeno tre o quattro colpi. Oltre al malvivente ferito a morte e caduto a terra vicino al porta d'ingresso del negozio, altri due avrebbero preso parte al colpo, riuscendo poi a fuggire a piedi. Inoltre, una Fiat Panda grigia metallizzata è stata portata via da un carro attrezzi dopo essere stata individuata dai carabinieri in un parcheggio vicino. I militari hanno accertato che si tratta dell'auto utilizzata dai malviventi per raggiungere via Battelli, dove si trova la gioielleria. La macchina, targata Asti, risulta essere stata rubata. Il veicolo sarà ora sottoposto ad analisi scientifiche per cercare di recuperare reperti utili all'identificazione del bandito rimasto ucciso e dei suoi complici.

Le parole del procuratore
"Secondo quanto ci risulta allo stato sarebbero stati sparati otto colpi, due da parte dei banditi e sei dal gioielliere due dei quali andati a segno di cui uno mortale». Lo ha detto il procuratore di Pisa, Alessandro Crini, incontrando i giornalisti per fare il punto delle indagini sulla rapina sfociata nel sangue ieri sera nella quale il commerciante Daniele Ferretti ha ucciso un bandito. "Siamo ancora nella fase delle valutazioni per concludere la ricostruzione dei fatti - ha detto il pm - e al momento non vi sono indagati, perché stiamo ancora vagliando gli elementi». Al centro della questione c'è proprio la posizione del commerciante che potrebbe essere iscritto nel registro degli indagati "per avere il massimo delle garanzie possibili", ha precisato Crini, con l'accusa di omicidio per poi procedere alla valutazione di un'eventuale legittima difesa che scagionerebbe l'indagato. Secondo quanto lo stesso Ferretti avrebbe riferito a testimoni e inquirenti ieri, la sua reazione sarebbe stata dettata dal tentativo di difendere la moglie minacciata dai banditi.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal