7 dicembre 2019
Aggiornato 12:30
un ragazzo è stato seviziato, massacrato e torturato

Roma, 23enne assassinato per un "no" a un rapporto sessuale

Tra le ipotesi al vaglio degli investigatori quella del raptus omicida scatenatosi a causa del rifiuto della vittima di partecipare a un rapporto sessuale a tre

Un 23enne è stato assassinato a Roma.
Un 23enne è stato assassinato a Roma. Shutterstock

ROMA - Un giovane di 23 anni è stato assassinato a Roma. Massacrato, seviziato e torturato in un appartamento del Collatino.

La tortura e l'assassinio di Varani
«Volevamo uccidere qualcuno. Volevamo vedere l'effetto che fa. Eravamo usciti in macchina la sera prima sperando di incontrare qualcuno. Poi abbiamo pensato a Luca Varani che il mio amico conosceva». Ha detto così Manuel Foffo, 30 anni, agli investigatori dell'Arma dei carabinieri ed al pm Francesco Scavo. Varani, 23 anni, è stato seviziato, torturato e poi massacrato a coltellate, a colpi di martello.

La morte risalirebbe a venerdì mattina
Perché? Forse perché era tra i contatti di Marco Prato, quello che stava con Foffo all'appartamento di via Igino Giordani, al Collatino. La morte di Varani, secondo quanto accertato, risalirebbe a venerdi mattina. Il pm Francesco Scavo, che per le prossime ore attende le prime risposte dall'autopsia inoltrerà in giornata al gip la richiesta di convalida del fermo per concorso in omicidio volontario con la contestuale emissione di un'ordinanza di custodia cautelare.

L'ipotesi del rapporto sessuale negato
Nonostante la confessione degli assassini, i carabinieri non tralasciano di seguire alcuna ipotesi. Tra queste ci sarebbe quella del raptus omicida che avrebbe spinto Manuel Foffo e Marco Prato a massacrare Luca Varasi a causa del rifiuto di quest'ultimo di partecipare a un rapporto sessuale a tre. I due assassini avevano chiamato il 23enne con la scusa di un party, che durava già da due giorni, a base di coca e alcol.  La vittima è un ragazzo di origini slave adottato da una famiglia italiana, era fidanzato da più di otto anni con la stessa persona.