si era dato alla fuga

Incidente mortale sul GRA, trovato il pirata della strada che ha ucciso uno scooterista

La tragedia è avvenuta stamattina all'alba sul grande raccordo anulare che circonda la Capitale

ROMA - Stamattina all'alba una tragedia sul GRA ha tolto drammaticamente la vita ad un uomo italiano di 51 anni, che lascia la moglie e due figli minorenni. Ecco la dinamica dei fatti.

L'impatto e l'incidente mortale
Questa mattina all'alba, all'altezza del km 40+300 del GRA, un Audi ha tamponato violentemente uno scooter che le procedeva dinnanzi, causando lo sbalzamento dal veicolo dell'uomo che era al volante. Dopo la caduta, la vittima è stata travolta da un mezzo pesante che non ha potuto fare a meno di evitare l'impatto. L'uomo, un 51enne italiano originario di Campobasso ma residente a Borgata Finocchio, lavorava come impiegato e lascia la moglie e i suoi due figli.

L'arresto del pirata della strada
Il pirata della strada, invece, è fuggito via subito dopo l'incidente e a gran velocità. Durante la fuga, la sua macchina ha però perso lungo il GRA la targa automobilistica, permettendo così alle forze dell'ordine di risalire alla sua identità. I poliziotti hanno quindi rintracciato l'uomo, un 46enne romano, che si trovava a lavoro come se niente fosse accaduto. La  posizione e la versione del pirata della strada sono ora al vaglio degli investigatori della Sottosezione della Polizia Stradale Roma-Sud Settebagni, coordinati dal commissario capo Alessandro Abruzzini e diretti dalla dottoressa Elisabetta Mancini.